Archivio cronologico

>Archivio cronologico

Indagine filosofica sulla felicità/3. Il sentimento di fusione

22 Novembre 2019|5, Limite di velocità|

Secondo Flaubert il viatico migliore per sentirsi felice consiste nell’essere “egoista, stupido e di buona salute”. Nella sua epoca era largamente condivisa l’idea che l’intelligenza acuta e la sensibilità fine si accordassero meglio con un temperamento malinconico. Si tratta ovviamente di una prospettiva che ribalta l’impostazione per la quale vi sarebbe, se non identificazione, una qualche familiarità tra saggezza e raggiungimento della felicità. (altro…)

L’ultima intervista di Eshkol Nevo

22 Novembre 2019|Libri consigliati|

Una categoria stucchevole di romanzo è quella che mette in scena, magari nella forma dell’autofiction, lo scrittore di mezza età in crisi creativa. (altro…)

Recensione di “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”

22 Novembre 2019|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Ci sono sciagurate operazioni cinematografiche della quali la prima cosa che viene da chiedersi è: perché? Ce ne sono altre che il perché lo portano cucito nell’anima, e ti domandi anzi come mai sia accaduto tanto tardi. (altro…)

Recensione di “Ghosteen” di Nick Cave

22 Novembre 2019|4, Il Nuovo Giudizio Universale|

Nella maggior parte delle lingue non esiste una parola corrispettivo inverso di orfano, che designi chi ha perduto un figlio. C’è nella lingua ebraica, shakul, in arabo con la stessa radice, thaakil, in sancrito vilomah, (altro…)

22 Novembre 2019|Twitoli|

Stretti e contraddetti

22 Novembre 2019|1, Stretti e contraddetti|

Una breccia nell’Italia salviniana. È importante. Ma anche la novità che “sardine in piazza” non sia l’annuncio dell’ennesimo dehor potrebbe essere un segnale sociale significativo

Recensione “Ditegli sempre di sì”

19 Novembre 2019|3, Il Nuovo Giudizio Universale|

Portarsi bene l’età, specie nel lungo periodo, viene meglio alle opere teatrali che agli esseri umani. Ma rimarrà egualmente stupito chi per la prima volta assiste alla commedia “Ditegli sempre di sì”, di Eduardo De Filippo, approfittando della tournée con la regia di Salvo Andò di quella che fu la sua compagnia: passata, dopo la morte del figlio Luca, al quale è ancora intitolata, nelle mani della moglie di questi, Carolina Rosi (figlia del grande regista). Sono passati 92 anni dalla sua scrittura, e due aspetti, in particolare, sono sorprendenti: l’attualità degli scambi di comicità verbale (altro…)

Requiem per l’edicola

15 Novembre 2019|6, Limite di velocità|

L’ultima ha scelto un modo eroico per scomparire, affondare per metà nell’inondazione di Venezia. Era quella di Walter, alle Zattere, che evocato così sembra una parabola dentro il Vecchio Testamento (anche se Walter non è tanto biblico). Ma un paio di edicolanti al giorno se la squagliano in punta di piedi e un brutto mattino (altro…)

Recensione del film “Parasite”

15 Novembre 2019|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Prima di qualsiasi accenno all’estetica e all’intento di critica sociale, “Parasite” di Bong-Joon-Ho- Palma d’oro a Cannes- merita di essere illustrato a partire dal suo maggior pregio, la scrittura sublime: una storia originale, semplice, ispirata, perfetta nelle sfumature e nella sceneggiatura. (altro…)

Cosa non quadra nell’anominato sul web

15 Novembre 2019|7, Web philosophy|

Immagina, lettore, che sopra un’affollata chat su Facebook un utente ti inviti a stare zitto visto che hai ricevuto numerose condanne penali. Essendo tu incensurato decidi di querelarlo per diffamazione. Lui però usa un nickname e il massimo che nelle indagini si potrà fare è risalire al suo indirizzo IP e chiedere alla piattaforma, (altro…)

8 Novembre 2019|Twitoli|

Indagine filosofica sulla felicità/2. Il senso vale più dei sensi

8 Novembre 2019|6, Limite di velocità|

La felicità potrebbe consistere in un bel mal di denti. A condizione che si eserciti il mestiere di dentista e che il mal di denti non sia il proprio ma quello del cliente. E con un terzo presupposto fondamentale: che si aderisca a una visione di felicità coincidente con il piacere; (altro…)

Archivio dei bambini perduti di Valeria Luiselli

8 Novembre 2019|Libri consigliati|

Se certe situazioni odiose dei nostri tempi venissero affrontate chiedendosi: cosa direbbero i nostri bambini se fossero qui? (altro…)

Blizzard, Hong Kong e la rivolta dei gamers. I confini porosi della vita virtuale.

8 Novembre 2019|9, Limite di velocità|

La realtà supera la fantasia è una frase vecchia, nel senso che andava bene per il mondo analogico. Nell’età digitale la fantasia e la realtà, come il fisico e il virtuale, agiscono sempre più fuse tra loro (ragion per cui possiamo definire il mondo in cui viviamo come infosfera).

Una prova clamorosa proviene dal caso #BoycottBlizzard, che sta infiammando il mondo dei gamer, soprattutto americano, ed è stranamente assente, o quasi, dalle cronache europee. (altro…)

Stretti e contraddetti

8 Novembre 2019|1, Stretti e contraddetti|

Il paese che ospita il più grande polo tecnologico è anche quello in cui si verifica il maggior numero di black-out nel mondo industriale: sino a 24 ore di fila. (altro…)

Recensione del film “Sole”

8 Novembre 2019|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Se facciamo il conteggio proporzionalmente al parco numero parole pronunciate in tutta l’ora e quaranta, forse battiamo il record assoluto di “sì” che mai siano stati pronunciati in un film. La maggior parte delle volte sono “sì” sacrificali (altro…)

L’uomo che saltò fino a Berlino Ovest

8 Novembre 2019|8, Lo Storiopata|

Ricorre in questi giorni il trentennale della caduta del Muro. Nel 1961 però, appena chiuso il confine, un uomo si pose subito il problema di come attraversarlo. E non un uomo qualunque.

Se un berlinese la notte del 12 agosto 1961 era andato a dormire nella parte est della città, non avrebbe più varcato il confine (se non in casi eccezionali) per quasi trent’anni, (altro…)

24 Ottobre 2019|Twitoli|

Recensione del film “Joker”

24 Ottobre 2019|Il Nuovo Giudizio Universale|

Quante cose dobbiamo conoscere sulle vicende dei personaggi per uscire soddisfatti dalla visione di un film, di una serie o anche dalla lettura di un libro? A lungo l’essenza della narrativa si è risolta in vediamo come va a finire una storia. La preoccupazione dell’autore era quella di non lasciare inesplicati dettagli che bruciassero nell’incertezza lo spettatore, a costo di sbrodolare per eccesso. Se “The end” fosse apparso, in un film classico americano, sopra lo schermo prima della matematica certezza che l’ultimo malvagio fosse sotto terra e i due spasimanti si fossero liquefatti nel bacio eterno, (altro…)

Stretti e contraddetti

24 Ottobre 2019|1, Stretti e contraddetti|

E’ un’ironia della storia che la separazione dell’Inghilterra dai “maledetti burocrati di Bruxelles” si stia impantanando (altro…)