Archivi mensili: Settembre 2023

Home>2023>Settembre

Ripetere per ostinazione

Di |2023-10-13T13:25:44+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Che qualità ha mostrato Greta? Comunemente si di­rebbe: la perseveranza. Io preferisco: l’ostinazione. La seconda parola rispetto alla prima (che ha un sinonimo in tenacia) patisce un’accezione negativa. Sei il solito osti­nato, scendi con i piedi per terra. Senonché i perseveranti sono gli ostinati che (altro…)

Ripetere quel che fanno gli altri

Di |2023-10-13T13:25:55+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

La propensione a fare quel che fanno gli altri, però, è la stessa che motiva anche a pensare: «Sai che c’è? Adesso mi butto dal balcone!», per emulare i coetanei che hanno preso – come recentemente accade in Spagna – il vezzo di librarsi in volo in una piscina o in una terrazza confinante, e ogni tanto sbagliano i calcoli (altro…)

Ripetere i genitori

Di |2023-10-13T13:26:05+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Anche quando non è segnato da un perimetro murario, il ritorno in direzione dei genitori che si stanno spegnendo, o non ci sono più, è ineluttabile e impossibile, al tempo stesso. Dopo le sfide dell’emancipazione, si scopre di ripe­terne qualche caratteristica, e che proprio a causa (altro…)

Ripetere come Sisifo e Bill Murray

Di |2023-10-13T13:26:15+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Può pilotare e stravolgere la ripetizione, oppure approfittarne. Seduce, si abboffa, ruba, tanto al risveglio sarà tutto emen­dato. Ma, per questa stessa ragione, quale senso ha un piacere i cui effetti vengono azzerati così a breve termine? Murray è nella condizione di Sisifo, il personaggio della mitologia greca (altro…)

Ripetere per umiliare

Di |2023-10-13T13:26:21+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Una delle forme più perfide di esercizio del potere consi­ste, in effetti, nell’infliggere la ripetizione. Il massimo grado per realizzare la sottomissione non è la costrizione pura e semplice ma la costrizione durevole manifestata attraverso la messa in scena ripetuta di una sottomissione manifestata con delle ripetizioni. Negli stati autoritari (e a volte anche in quelli che si professano democratici) le perquisizioni polizie­sche degli oppositori politici cessano di avvenire a sorpresa (altro…)

Ripetere secondo i riti

Di |2023-10-13T13:26:30+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Ma qual è la ragione per cui in ogni angolo del globo, a un certo stadio iniziale di civiltà gli individui apparte­nenti a una comunità si stringono insieme nei riti?

Come ho detto, un certo rilievo è stato attribuito alla funzione di risolvere delle crisi, legate essenzialmente ad avversità, come la siccità o la carestia. Frazer, pur usando parole più gentili, le considerava per questo irrazionalità prodotte dall’ignoranza. (altro…)

Ripetere che c’è un complotto

Di |2023-10-13T13:26:45+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

La ripetizione della propaganda è persuasiva in due casi: quando, come detto, il conformismo e l’imi­tazione ne consentono la diffusione contagiosa (in uno stato totalitario, in una moda) oppure quando il vero protagonista della ripetizione è il destinatario, che nello slogan o nelle fake news (altro…)

Far ripetere lavori alle macchine

Di |2023-10-13T13:27:06+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

La riproducibilità meccanica di un’attività (di quello si tratta) non è solo dichiarativa (quest’attività è una routine, ora se ne occupa la macchina) ma anche costitutiva: da quando diventa la regola, re­stringe l’attività a una media e ne elimina quel fattore personale, (altro…)

Recensione del film “Oppenheimer”

Di |2023-10-13T13:27:37+01:0015 Settembre 2023|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Straordinario cinema d’autore con punte di avanguardia e puro stile hollywoodiano nello stesso momento. Il bicchiere si può vedere mezzo vuoto, e rammaricarsi dell’occhio che Nolan presta al botteghino (altro…)

Not in my ear. Contro i pirati dello spazio acustico

Di |2024-04-05T11:21:10+01:0015 Settembre 2023|6, Limite di velocità|

Quando e da chi dobbiamo esigere il silenzio. O almeno un volume differente.

 

Partiamo da un esempio pratico. Nella tranquilla isola greca in cui uso tornare sovente d’estate, soggiorno normalmente in un piccolo hotel che affaccia sul porto. (altro…)

Liberi di dire quello che si pensa?

Di |2024-04-05T11:25:00+01:008 Settembre 2023|9, Articoli recenti 2, Limite di velocità|

Il campo linguistico, tra Vannacci e il politicamente corretto

Ma insomma, uno sarà pure padrone di dire quello che pensa! Negli ultimi tempi questa frase, nel dibattito pubblico, viene pronunciata sempre più spesso. E con apparente rovesciamento dei ruoli, paladina del principio della libertà di manifestazione del pensiero si presentaper lo più la destra politica. (altro…)

Torna in cima