Archivi mensili: Marzo 2020

Home>2020>Marzo

Quattro grandi cantanti jazz che in Italia vi tengono nascoste

Di |2020-09-11T15:17:22+01:0020 Marzo 2020|9, Ufficio visti|

Ci vorranno le quote rosa nelle recensioni? Nessuno fra gli ultimi dischi (usciti fra il 2019 e il 2020) della quattro musiciste che vado a indicare è stato segnalato in Italia, nemmeno dalle riviste specializzate. (altro…)

Su quel che è necessario durante un’emergenza

Di |2020-09-11T15:17:22+01:0020 Marzo 2020|11, Limite di velocità|

Ci sono due passaggi particolari in cui emerge il concetto di necessità legato alle disposizioni per contenere il coronavirus. Uno riguarda i beni che possono essere venduti in questo momento, solo quelli alimentari e gli altri di “prima necessità”. L’altro, ancora più centrale, riguarda le “misure necessarie” che sono adottate per effetto dell’emergenza. (altro…)

Il silenzio ai tempi del coronavirus

Di |2020-09-11T15:17:22+01:0018 Marzo 2020|11, Lo Storiopata|

“Oh, finalmente un po’ di silenzio!”. Credo che nessuno guardando le strade rese mute dall’equivalente del coprifuoco sia sbottato in questo modo, neppure il più accanito critico del rumore quale forma di ammorbamento della quiete. (altro…)

Recensione del film “Bohemian rapsody”

Di |2020-09-11T15:17:22+01:0012 Marzo 2020|Il Nuovo Giudizio Universale|

Fino che a punto è lecito alterare eventi dentro un biopic, senza che l’operazione scada artisticamente? La questione si pone pesantemente per l’acclamata (dal pubblico) biografia di Freddie Mercury, (altro…)

Il virus e la globalizzazione

Di |2020-09-11T15:17:22+01:0012 Marzo 2020|12, Limite di velocità|

Tutto comincia in una di quella città che gli economisti chiamano “canali del valore globale”. A Wuhan sono impiantate fabbriche di grandi multinazionali, come Renault, General Motors e Honda. Dotata di gigantesche zone industriali, vi si sono riversati negli ultimi anni più di 20 miliardi di dollari per investimenti stranieri. È una sorta di Chicago, rivisitata un secolo dopo in salsa cinese: un nodo ferroviario di intensa circolazione, crocevia – sommando i voli aerei – di oltre un miliardo di passeggeri all’inizio del secolo, diventati 4 miliardi a fine 2019. (altro…)

Restare a casa? Da soli? E dopo?

Di |2020-09-11T15:17:23+01:0011 Marzo 2020|2, Limite di velocità|

Possiamo provare a fare un ragionamento sulle misure che riguardano il coronavirus, e quanto sta intorno  – nello spazio e nel tempo ­– che non sia solo bianco (quello dominante una settimana fa: questi sono matti, certo che sembra li abbiamo tutti noi i malati a furia di fare (altro…)

Torna in cima