Versi, versi pure

>Versi, versi pure

Il mio primo libro di poesia.

Vi spiego come prenderlo per il verso giusto

Da diversi anni mi ha preso il gusto di comporre limerick, quel tipo di poesie nonsense di origine anglosassone che rispondono a criteri metrici fissi e nel nostro paese hanno trovato la loro migliore espressione in Toti Scialoja. Mi sono concesso varie alterazioni del loro schema di base e poi, con crescente frequenza, quello scheletro formale e il mood che lo accompagna sono rimasti al servizio anche di testi sensati. Alla fine è più facile debellare il senso nella prosa quotidiana che nei versi.

Ora sono diventati un libro, contenente oltre cento poesie, che il valente catalogo dell’editore Oedipus ha ritenuto di accogliere.

Come per tutti i volumi di poesia la distribuzione nelle librerie è sempre complicata.

Le librerie dove dovreste sicuramente trovarlo a partire da questi giorni sono queste:

oppure presso la sede dell’editore Oedipus a Salerno (via La Francesca, 31)

Un’alternativa naturalmente è ordinarle su Ibs, Amazon, Feltrinelli, Mondadori, Unilibro.

Ve ne propongo una manciata, tanto per familiarizzarcisi (anche con la loro eterogeneità) e per non restare esageratamente traumatizzati all’acquisto del libro.

Natività

Ingravidato nel ventre del mattino

mi partorisce ogni giorno il sorriso

tuo dintorno, il sorgente che inventi.

Del viso nell’abbraccio, s’insemina

d’eterno la terra senza ghiaccio.

Di |

Mi spiaggerò

Mi spiaggerò come balena assente

sul rovente sudario mentre l’ocean

si rifarà daccapo di gran lena.

Per cena sputerò Giona dal ventre

ragionerò l’assurdo dell’acquario.

Mi spiaggerò come balena triste

ponendo fine a spregi e avvistamenti

di dorsi e pinne da occhi di turisti.

Depennerò il disordine e la rabbia

provvista di salsedine e di sabbia.

Mi spiaggerò come balena bolsa

prendendo l’orizzonte per rincorsa

sull’onda moribonda rimbalzante.

Cospargerò con l’olio e l’ambra grigia (altro…)

Di |

Faglie e furia

Il Finistère farfuglia alle finestre

frasi che il vento spinge agli sfinteri,

rende spoglio l’orizzonte, frastaglia

il verde in strato. Scagli lo scoglio

chi è senza steccato.

Di |

Mille ciglia lontano

Se la donna che ami sceglie l’altro

Cuscino mille ciglia lontano quando

Dorme vicino scendi piantala in asso

Mentre giace di sasso indecente

Vestale d’ascesi sul materasso

Di |

Rasarsi è bene

Rasarsi è bene prima d’un safari,

rincrescono alle fiere i peli

puberali. L’appeal della criniera

svelato puerilmente dai fanali.

L’impala al pub s’abbassa la cerniera.

Di |

Take the train

Murati negli smartphone sul vagone

gli automi non s’accorgono dell’asma

del vicino, dei torti consumati,

d’arrivi alla stazione. Live alone,

pendolare! Sian lievi le rotaie.*

*(sulla transiberiana non c’è campo,

le contadine sono afone sul Don)

Di |

Il rito dell’acciuga

Il rito dell’acciuga nei carrugi

l’argentee scaglie intuba alle caviglie.

Nei porti di Levante reti a maglie.

Si coglie a riva l’assillante quesito:

Camogli e marito ci va l’infradito?

Di |

Private library

Sul nostro legno non tramonta mail il sole,

son mense di pagine le mensole

sull’argine tra il muro e le parole.

La pelle dei dorsi venderem cara,

c’impellerà materno il termitaio.

Di |

Vanitas

Dal vaso vien giù secco il tulipano

non un lento planare né balbuzie,

cadere sghembo nella sua stagione,

lo sanno pure i bulbi di quartiere

è il gambo che recide chi ha ragione.

Di |

Cinque terre, o poche meno

E’ amara Manarola quando l’orma

dell’amore è traccia murale al sole

e ormai l’ombra dei limoni duole

come un molare: scende il morale

in mare, treccia in età ormonale

Di |

La lotta dello scrivere

Pagina vuota, resistente muro,

spartito ch’attende nota, insicuro

ramo ove ramingo il tordo breve

posa, remota prora nell’ignoto,

mancata sposa per annullamento (altro…)

Di |

Fermati un'attimo.

Ti piacciono queste poesie? Rimani aggiornato!
Non ti piacciono? A maggior ragione iscriviti! Non le vedrai mai più!

Ho invece qui pubblicato oltre 900 articoli di cultura in 2 anni. Vorrei inviarti la newsletter settimanale, che ne dici?

Articoli correlati

Dal sillogismo al freelogismo. Cosi’ cambiano i ragionamenti pubblici

Tutti gli articoli su questo sito sono scritti da Remo Bassetti

Sto leggendo un articolo su questo sito

Questo articolo è scritto da Remo Bassetti (altro…)

Di |

Per predire il futuro basta predire il presente. I dilemmi morali di Black Mirror

Gli scienziati che lavorano all’intelligenza artificiale si dichiarano ottimisti sul fatto che i robot saranno, un giorno, anche in grado di produrre empatia. Ma se davvero proveranno, o quanto meno, replicheranno emozioni, dovremo nei loro confronti comportarci secondo la stessa etica propria delle relazioni intraumane?Ad oggi la filosofia morale si pone in rapporto con le macchine considerandole esclusivamente come oggetti, per lo più interrogandosi su quanto sia lecito fare a noi, attraverso questi strumenti, e su quali codici debbano essere introdotti dentro robot messi in condizione di operare scelte dai riflessi morali: si comincia a dibattere di dove debba sterzare e come debba frenare l’automobile quando siano in gioco, alternativamente, la vita del conduttore e quella dei pedoni che attraversano la strada.

(altro…)

Di |

La nuova legittima difesa for dummies

Quante cose possiamo immaginare più angoscianti che svegliarci nel corso della notte e renderci conto dai rumori che qualcuno si è intrufolato in casa? O apprenderlo direttamente da lui, mentre ci punta un arma contro? (altro…)

Di |

Vorreste essere giudicati da un magistrato o da un algoritmo?

Si discute molto sull’opportunità che i membri del Consiglio Superiore della Magistratura siano nominati per sorteggio invece che per elezione. Ma tutto sommato essere scalzati dall’esercizio della volontà deliberativa a favore di un criterio casuale non è il macigno più grosso che grava sulla professione dei magistrati. Essi potrebbero essere sostituiti dall’intelligenza artificiale in alcune fasi del diritto penale. (altro…)

Di |

Recensione del film Il traditore

Un regista fa i conti con se stesso mettendo in scena un personaggio che fa i conti con se stesso. In realtà nessuno dei due (il regista e il personaggio) questi conti li fa sino in fondo, nonostante ne venga fuori un ottimo film, “Il traditore” sulla figura di Tommaso Buscetta, lo storico primo pentito della mafia. (altro…)

Di |

Salute e tecnologia non a misura di donna

Per l’intera storia della medicina, a quanto pare, sono stati compiuti gli studi per i farmaci su cavie maschili per evitare che i cicli mestruali femminili confondessero i dati. (altro…)

Di |

Così finisce il romanzo/1

Cosi’ finisce il romanzo…indovinate voi quale (altro…)

Di |

Versi, versi pure

(altro…)

Di |