Versi, versi pure

>Versi, versi pure

Il mio primo libro di poesia.

Vi spiego come prenderlo per il verso giusto

Da diversi anni mi ha preso il gusto di comporre limerick, quel tipo di poesie nonsense di origine anglosassone che rispondono a criteri metrici fissi e nel nostro paese hanno trovato la loro migliore espressione in Toti Scialoja. Mi sono concesso varie alterazioni del loro schema di base e poi, con crescente frequenza, quello scheletro formale e il mood che lo accompagna sono rimasti al servizio anche di testi sensati. Alla fine è più facile debellare il senso nella prosa quotidiana che nei versi.

Ora sono diventati un libro, contenente oltre cento poesie, che il valente catalogo dell’editore Oedipus ha ritenuto di accogliere.

Come per tutti i volumi di poesia la distribuzione nelle librerie è sempre complicata.

Le librerie dove dovreste sicuramente trovarlo a partire da questi giorni sono queste:

oppure presso la sede dell’editore Oedipus a Salerno (via La Francesca, 31)

Un’alternativa naturalmente è ordinarle su Ibs, Amazon, Feltrinelli, Mondadori, Unilibro.

Ve ne propongo una manciata, tanto per familiarizzarcisi (anche con la loro eterogeneità) e per non restare esageratamente traumatizzati all’acquisto del libro.

Sonetto sulle dichiarazioni da rendere ex dpcm

Attesti che è effettivamente nato,

compili col suo sangue, documenti

il transito suo al banco d’alimenti

e che alla qui presente è coniugato

 

che non è per trastullo che s’aggira

che un poco incontinenti sono i cani

che ancora non è al margine dei sani

e non ha troppo in uggia le sue mura. (altro…)

Di |

Senso-Nonsense: la poesia di Remo Bassetti, a cura di Lucio Toma

“Da diversi anni mi ha preso il gusto di comporre limerick, quel tipo di poesie nonsense di origine anglosassone che rispondono a criteri metrici fissi e nel nostro paese hanno trovato la loro migliore espressione in Toti Scialoja. (altro…)

Di |

Caduta massì

Chissà chi è l’inetto, l’imbecille
che nella notte ci sostituisce
lo scendiletto kilim
con ghiaccio e suole lisce.
Che tende funi fuori sul percorso
e disallinea biglie di traverso
sul pavimento di linoleum,

(altro…)

Di |

Natività

Ingravidato nel ventre del mattino

mi partorisce ogni giorno il sorriso

tuo dintorno, il sorgente che inventi.

Del viso nell’abbraccio, s’insemina

d’eterno la terra senza ghiaccio.

Di |

Mi spiaggerò

Mi spiaggerò come balena assente

sul rovente sudario mentre l’ocean

si rifarà daccapo di gran lena.

Per cena sputerò Giona dal ventre

ragionerò l’assurdo dell’acquario.

Mi spiaggerò come balena triste

ponendo fine a spregi e avvistamenti

di dorsi e pinne da occhi di turisti.

Depennerò il disordine e la rabbia

provvista di salsedine e di sabbia.

Mi spiaggerò come balena bolsa

prendendo l’orizzonte per rincorsa

sull’onda moribonda rimbalzante.

Cospargerò con l’olio e l’ambra grigia (altro…)

Di |

Faglie e furia

Il Finistère farfuglia alle finestre

frasi che il vento spinge agli sfinteri,

rende spoglio l’orizzonte, frastaglia

il verde in strato. Scagli lo scoglio

chi è senza steccato.

Di |

Mille ciglia lontano

Se la donna che ami sceglie l’altro

Cuscino mille ciglia lontano quando

Dorme vicino scendi piantala in asso

Mentre giace di sasso indecente

Vestale d’ascesi sul materasso

Di |

Rasarsi è bene

Rasarsi è bene prima d’un safari,

rincrescono alle fiere i peli

puberali. L’appeal della criniera

svelato puerilmente dai fanali.

L’impala al pub s’abbassa la cerniera.

Di |

Take the train

Murati negli smartphone sul vagone

gli automi non s’accorgono dell’asma

del vicino, dei torti consumati,

d’arrivi alla stazione. Live alone,

pendolare! Sian lievi le rotaie.*

*(sulla transiberiana non c’è campo,

le contadine sono afone sul Don)

Di |

Il rito dell’acciuga

Il rito dell’acciuga nei carrugi

l’argentee scaglie intuba alle caviglie.

Nei porti di Levante reti a maglie.

Si coglie a riva l’assillante quesito:

Camogli e marito ci va l’infradito?

Di |

Private library

Sul nostro legno non tramonta mail il sole,

son mense di pagine le mensole

sull’argine tra il muro e le parole.

La pelle dei dorsi venderem cara,

c’impellerà materno il termitaio.

Di |

Fermati un'attimo.

Ti piacciono queste poesie? Rimani aggiornato!
Non ti piacciono? A maggior ragione iscriviti! Non le vedrai mai più!

Ho invece qui pubblicato oltre 900 articoli di cultura in 2 anni. Vorrei inviarti la newsletter settimanale, che ne dici?

Articoli correlati

Lockdown, quel che ora sappiamo (o dovremmo sapere)

Dopo tre mesi, la prima certezza che abbiamo raggiunto sul Covid è socratica: sappiamo di non sapere. E il brutto è che non siamo genericamente noi a non sapere. Non sanno neppure gli scienziati. (altro…)

Di |

Gli auguri di compleanno dopo le notifiche di Facebook

Oggi Facebook mi notifica che 14 amici compiono gli anni e si porta avanti segnalandomi quelli che festeggeranno nei giorni a venire. In pochi secondi posso mandare un messaggio a ciascuno e anche ingraziarmelo con l’emoticon di una torta. Con molti di questi amici non c’è stata occasione di far seguire messaggi al contatto iniziale. Qualcuno effettivamente lo conosco, qualcuno è un amico davvero. Ma ha senso rispondere allo “stimolo” della macchina e ubbidirle inoltrando le candeline o mandando un video appositamente creato dal social? (altro…)

Di |

Le statue unite

“Ci vediamo dove c’è la statua”. “Quale statua?”. Un simile scambio potrebbe certo avvenire in una di quelle città nel mondo dove la statua non è più al suo posto, (altro…)

Di |

Un’esperienza sui commenti che imbrattano facebook. Cosa ne penserebbero i nostri figli?

I ragazzi in Italia stanno massicciamente abbandonando Facebook. Ci sono molti motivi. Ma se fosse anche perché si vergognano dei loro genitori? (altro…)

Di |

Recensione del film “I miserabili”

Nei pochi cinema riaperti e su tutte le piattaforme digitali

Un titolo così impegnativo, che richiama il grande romanzo di Hugo (altro…)

Di |

Avete bisogno di soldi? Vediamo se l’algoritmo li scuce

È vero che le banche preferiscono prestare soldi a chi già li ha, ma non si può negare che l’origine (anche se non la causa ultima) della crisi che ha cominciato a sprofondare l’economia è nata dalla spregiudicatezza e dall’avventatezza (altro…)

Di |

Resoconto Rachel Cusk

Sarà stata una scelta felice quella dell’edizione italiana pubblicata da Einaudi, tradurre il titolo originale, “Outline” del romanzo di Rachel Cusk in “Resoconto”?  Outline indica più che altro una bozza, incompleta e rivedibile. (altro…)

Di |

Vanitas

Dal vaso vien giù secco il tulipano

non un lento planare né balbuzie,

cadere sghembo nella sua stagione,

lo sanno pure i bulbi di quartiere

è il gambo che recide chi ha ragione.

Di |