Limite di velocità2020-09-11T15:17:13+01:00

Lo so, siete abituati che sul web si legge veloce, e che chi scrive tira subito alle conclusioni. Vivete nell’era del multitasking e fate sette cose contemporaneamente, e bisogna affrettarsi per passare alle sette successive. In questa sezione però, più ancora che in altre, vi chiedo di rallentare. Indugiare sul pensiero, il vostro oltre che il mio, come si sofferma lo sguardo su un paesaggio.

Non c’è Web2 senza Web3

Non c’è articolo sul web3, in queste settimane, che non cominci dicendo: in queste settimane si parla molto del web3. Quando accade che un tema concentri improvvisamente l’attenzione le possibilità sono tre:

  1. È realmente accaduto qualcosa di nuovo.
  2. È in corso un’operazione mediatica nel senso che i media hanno “costruito” il tema rispondendo alle aspettative dei lettori.
  3. È in corso un’operazione mediatica eterodiretta, cioè l’attenzione è finanziata direttamente o indirettamente da marketer.

(altro…)

By |14 Gennaio 2022|Categories: 5, Limite di velocità|Tags: |

L’effetto onda, ovvero le sinergie negative

Cosa hanno in comune la cancel culture, la diseguaglianza contemporanea e il sistema dei crediti sociali cinesi? Quello che potremmo definire, a seconda del gusto, effetto onda, oppure effetto invasione di campo oppure funzionamento di sinergie negative oppure sistema di iperpunizione e di iperpremio. (altro…)

By |30 Dicembre 2021|Categories: 8, Limite di velocità|

Un target, più target, nessun target. L’evoluzione del rapporto tra brand e pubblico

A tredici anni dal mio libro sull’argomento, sono tornato a parlare di target, grazie alla bella intervista di Marco de Angeli, vicepresidente dell’International Advertising Association e autore della web series “Collisions” per Italy Chapter.

Dato il contesto, ovviamente, il focus era sulla prospettiva aziendale ma si è poi ampiamente spaziato.

Ecco l’intervista

Anche se prevale un tono leggero e una gradevole vena di humor, la documentazione è solida, gli esempi fitti e illuminanti

Corrado Augias, Il Venerdì

Un trattato, mica bruscolini. Il trattato, infatti, tipo quelli di Spinoza o di Wittgenstein, è un’opera di carattere filosofico, scientifico, letterario (...) E così è. Nel suo trattato Bassetti espone il come e perché dell’offesa.

Francesca Rigotti, Il Sole 24 ore

 

C’è un passo in cui di Bassetti dice che questo è un tema sorprendentemente poco esplorato...Non lo è più da quando c’è questo libro

La conclusione del conduttore di Fahrenheit – Tommaso Giartosio

 

Queste sono le tre ragioni per cui ci si offende:

  1. Hai detto male di me

  2. Hai violato un confine

  3. Non ti sei accorto di me come, e quanto, avresti dovuto

Scopri le ragioni per non perdere questo libro
By |30 Dicembre 2021|Categories: Limite di velocità|

Il braccialetto elettronico e le violenze sulle donne

“Il primo trasgressore è stato dotato di braccialetto elettronico questa settimana. Siamo nel bel mezzo di una rivoluzione, e la rivoluzione è un intervento rapido”. L’articolo è dedicato all’uso di questo strumento nel campo dello stalking verso le donne. È uscito in questi giorni in Italia per commentare l’introduzione nella prassi giudiziaria di Biella? (altro…)

By |17 Dicembre 2021|Categories: 12, Limite di velocità|

Calendari dell’avvento per adulti

Il racconto di Natale

Il biglietto di Elisa è datato 1° dicembre 2021, anche se lei è mancata il 2 novembre. Ha sempre avuto una passione per il gioioso formalismo del futile. Così precisa, poi, ad andarsene proprio nella festa dei morti. (altro…)

By |17 Dicembre 2021|Categories: 9, Limite di velocità|
Torna in cima