Quanto siamo ripetitivi

Home>Quanto siamo ripetitivi

Ripetere per ostinazione

Di |2023-10-13T13:25:44+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Che qualità ha mostrato Greta? Comunemente si di­rebbe: la perseveranza. Io preferisco: l’ostinazione. La seconda parola rispetto alla prima (che ha un sinonimo in tenacia) patisce un’accezione negativa. Sei il solito osti­nato, scendi con i piedi per terra. Senonché i perseveranti sono gli ostinati che (altro…)

Ripetere quel che fanno gli altri

Di |2023-10-13T13:25:55+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

La propensione a fare quel che fanno gli altri, però, è la stessa che motiva anche a pensare: «Sai che c’è? Adesso mi butto dal balcone!», per emulare i coetanei che hanno preso – come recentemente accade in Spagna – il vezzo di librarsi in volo in una piscina o in una terrazza confinante, e ogni tanto sbagliano i calcoli (altro…)

Ripetere i genitori

Di |2023-10-13T13:26:05+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Anche quando non è segnato da un perimetro murario, il ritorno in direzione dei genitori che si stanno spegnendo, o non ci sono più, è ineluttabile e impossibile, al tempo stesso. Dopo le sfide dell’emancipazione, si scopre di ripe­terne qualche caratteristica, e che proprio a causa (altro…)

Ripetere come Sisifo e Bill Murray

Di |2023-10-13T13:26:15+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Può pilotare e stravolgere la ripetizione, oppure approfittarne. Seduce, si abboffa, ruba, tanto al risveglio sarà tutto emen­dato. Ma, per questa stessa ragione, quale senso ha un piacere i cui effetti vengono azzerati così a breve termine? Murray è nella condizione di Sisifo, il personaggio della mitologia greca (altro…)

Ripetere per umiliare

Di |2023-10-13T13:26:21+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Una delle forme più perfide di esercizio del potere consi­ste, in effetti, nell’infliggere la ripetizione. Il massimo grado per realizzare la sottomissione non è la costrizione pura e semplice ma la costrizione durevole manifestata attraverso la messa in scena ripetuta di una sottomissione manifestata con delle ripetizioni. Negli stati autoritari (e a volte anche in quelli che si professano democratici) le perquisizioni polizie­sche degli oppositori politici cessano di avvenire a sorpresa (altro…)

Ripetere secondo i riti

Di |2023-10-13T13:26:30+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

Ma qual è la ragione per cui in ogni angolo del globo, a un certo stadio iniziale di civiltà gli individui apparte­nenti a una comunità si stringono insieme nei riti?

Come ho detto, un certo rilievo è stato attribuito alla funzione di risolvere delle crisi, legate essenzialmente ad avversità, come la siccità o la carestia. Frazer, pur usando parole più gentili, le considerava per questo irrazionalità prodotte dall’ignoranza. (altro…)

Ripetere che c’è un complotto

Di |2023-10-13T13:26:45+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

La ripetizione della propaganda è persuasiva in due casi: quando, come detto, il conformismo e l’imi­tazione ne consentono la diffusione contagiosa (in uno stato totalitario, in una moda) oppure quando il vero protagonista della ripetizione è il destinatario, che nello slogan o nelle fake news (altro…)

Far ripetere lavori alle macchine

Di |2023-10-13T13:27:06+01:0022 Settembre 2023|Quanto siamo ripetitivi|

La riproducibilità meccanica di un’attività (di quello si tratta) non è solo dichiarativa (quest’attività è una routine, ora se ne occupa la macchina) ma anche costitutiva: da quando diventa la regola, re­stringe l’attività a una media e ne elimina quel fattore personale, (altro…)

Torna in cima