Il Nuovo Giudizio Universale

>Il Nuovo Giudizio Universale

Non ho intenzione di rifare la rivista. Un’energia di quel tipo si ha una volta nella vita. Più modestamente riprenderò il genere “recensione”, di nuovo destinandolo indiscriminatamente a una mostra come a un oggetto o a una tendenza. Ma fatemi compagnia! Pubblicherò le vostre recensioni purché contenute in tremila battute, non oltraggiose, di interesse generale e non sospette di personalismo (insomma, se il cameriere è stato scortese al ristorante non è questo lo spazio per vendicarsi). Quelle che mi piacciono di più le farò passare per l’homepage. È d’obbligo il giudizio finale in soli/ombrelli (vedere sotto). Ogni recensore ha a disposizione uno spazio al mese.

I giudizi

soli_4
Perfetto


Alla grande


Merita


Niente male


Né infamia né lode


Anche no


Da dimenticare


Terrificante

ombrelli_4
Si salvi chi può

Recensione del film “Piccole donne”

“Faccio cose, vedo gente e mi autorealizzo”. Così potrebbe integrare la celebre frase di Ecce Bombo il personaggio principale (altro…)

Di | 24 Gennaio 2020|Categorie: 2, Il Nuovo Giudizio Universale|Tags: , , |

Recensione del film “Sorry we missed you”

In questa storia non ci troverete niente di speciale. Nel senso che, sia pure portata alle sue medio-estreme conseguenze, è la narrazione realistica e quotidiana che accomuna pletore di famiglie; e descrive alla perfezione la gig economy, (altro…)

Di | 24 Gennaio 2020|Categorie: 2, Il Nuovo Giudizio Universale|Tags: , , |

Recensione del film “Sorry we missed you”

In questa storia non ci troverete niente di speciale. Nel senso che, sia pure portata alle sue medio-estreme conseguenze, è la narrazione realistica e quotidiana che accomuna pletore di famiglie; e descrive alla perfezione la gig economy, entrando nella carne dei personaggi, lontano dalla freddezza algebrica delle inchieste giornalistiche che non restituiscono con la stessa precisione emotiva le lacerazioni esistenziali che produce. (altro…)

Di | 17 Gennaio 2020|Categorie: 2, Il Nuovo Giudizio Universale|Tags: , , |

Recensione del film “Pinocchio”

Nei primi dieci minuti un Roberto Benigni di corporeità marionettistica ci propone Geppetto ridotto allo stadio di semi-accattone che scrocca una zuppa all’osteria e sbircia incantato da un finestrino la meraviglia del teatro dei burattini arrivato in paese. È un attacco straordinario, risucchiante: ma nel libro non ce n’è traccia. Quell’avvio costituisce una deroga al principio che Garrone si è autoimposto come parametro del suo adattamento cinematografico di “Pinocchio”: una rigorosa fedeltà al testo. E però poche delle scene successive eguagliano per pathos quell’inizio, e questo qualcosa vorrà dire. (altro…)

Recensione del film “Tolo Tolo”

(La recensione viene espressa nella struttura formale di una prova di esame con domande chiuse per il superamento del test di italiano).

 

Il film “Tolo tolo” rappresenta nella filmografia di Checco Zalone:

  • Una linea di continuità
  • Una rottura
  • Una moderata rottura (risposta corretta) (altro…)

Recensione del film “The Irishman”

Due questioni hanno tenuto banco a proposito di “The Irishman”, facendone un evento mediatico ancor più di quello che già sarebbe stato, visto che è firmato da Martin Scorsese. Il primo è la scelta di ricorrere, per una trama che abbraccia quarant’anni, al de-aging: (altro…)

Il sussurro del mondo di Richard Powers

Il miglior romanzo pubblicato in Italia nel 2019

Sarebbe profondamente ingiusto pensare che Richard Powers debba ringraziare Greta Thunberg per la sua vittoria nel Premio Pulitzer. “Il sussurro del mondo” è un romanzo originalmente ma profondamente ambientalista, e si potrebbe malignare che sul premio abbia soffiato la temperie ecologista.  In realtà “Overstory” (questo è il titolo originale, sta per sovrastoria (altro…)

Recensione di “Un giorno di pioggia a New York”

Può un film essere cinico e romantico allo stesso tempo? Woody Allen ha più volte mostrato che se po’ fà, e non poteva mancare il bersaglio (gli 83 anni, per ora, non si mettono nemmeno in conto) proprio nella sua Manhattan, (altro…)

Recensione di “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”

Ci sono sciagurate operazioni cinematografiche della quali la prima cosa che viene da chiedersi è: perché? Ce ne sono altre che il perché lo portano cucito nell’anima, e ti domandi anzi come mai sia accaduto tanto tardi. (altro…)

Di | 22 Novembre 2019|Categorie: Il Nuovo Giudizio Universale|Tags: , , |

Recensione di “Ghosteen” di Nick Cave

Nella maggior parte delle lingue non esiste una parola corrispettivo inverso di orfano, che designi chi ha perduto un figlio. C’è nella lingua ebraica, shakul, in arabo con la stessa radice, thaakil, in sancrito vilomah, (altro…)