Wrog, laboratorio politico e zona freestyle2020-09-18T17:06:46+01:00

Focus

Cartoline dalle città vive è il titolo del progetto di Remo Bassetti, notaio, scrittore, infaticabile animatore culturale, dispensatore di visioni e utopie, vulcano di idee ed energie.” Così Gian Luca Favetto su Repubblica del 7 maggio, che continua l’intervista: “L’idea è spingere le persone a rimettere in gioco la condizione della fisicità per comunicare (…), una sorta di manutenzione non digitale degli affetti lontani”.

Partecipa alla creazione di un’installazione artistica legata alla lotta contro il Covid 19 mentre fai un gesto che ha un alto valore simbolico per te stesso e una persona a cui tieni.

Il libro di cui potrete parlare, anche quest’estate.

 

In attesa del prossimo mio che uscirà, sempre per Bollati Boringhieri, all’inizio del 2021.

Ultimi articoli

Come reagireste se mentre contemplate le piante in un giardino pubblico si sovrapponesse ad esse la vista dell’autostrada che qualche demonio proietta loro addosso? (altro…)

18 Settembre 2020|1, Stretti e contraddetti|

La zona grigia della cronaca nera

Non è certo una novità che i giornali dedichino ampio e dettagliato spazio alla cronaca nera. Nel 1551 si poteva leggere su un foglio del Wuttenberg, completa di ogni dettaglio morboso, la terribile storia di una donna che aveva assassinato i propri quattro figli e poi si era suicidata. (altro…)

18 Settembre 2020|3, Limite di velocità|

Versi referendari

Confesso quanto poco m’appassioni

buttar la casta quando bolle l’acqua.

Pro capite il risparmio è miserello

circa l’equivalente di un caffè, (altro…)

18 Settembre 2020|4, Versi, versi pure|

Moravia e Caproni, la calma disperazione

Nel 1990, trent’anni fa, morivano due dei nostri migliori scrittori del secolo, il poeta Giorgio Caproni e il romanziere Alberto Moravia. In una sua poesia di 25 anni prima, il “Congedo del viaggiatore cerimonioso” che rimane forse la sua lirica più famosa, Caproni aveva anticipato e metaforizzato questo momento dentro il meraviglioso sproloquio del passeggero di un treno che rivolge ai compagni del vagone – in realtà figure della sua vita o trasfigurazioni in quelle del suo stesso io – mentre si approssima alla stazione di arrivo, dove poi pronuncia il suo saluto: “Ora che più forte sento/ stridere il freno vi lascio/ davvero, amici. Addio. /Di questo son certo: io/ son giunto alla disperazione/calma, senza sgomento. /Scendo, buon proseguimento”. (altro…)

18 Settembre 2020|5, Sulla scrittura|

Bisogna difendersi da Whatsapp?

E se Whatsapp fosse un pericolo pubblico? Non esattamente con queste parole, ma con una sostanza non dissimile, quest’estate il Guardian ha pubblicato una lunga riflessione critica sul sistema di messaggeria più diffuso con i suoi due miliardi di utenti, avanzando riserve soprattutto su due punti. (altro…)

11 Settembre 2020|4, 9, Limite di velocità|

Il potere di veto

Dai tribuni della plebe a Mark Rutte, ma non si tratta della stessa cosa.

Il potere di veto conosce tre forme solo apparentemente simili, ma in realtà completamente distinte. Nella prima rientrano tutti i casi in cui in cui un potere interferisce negativamente sulla facoltà di decisione di un altro potere. (altro…)

23 Luglio 2020|11, Limite di velocità|

.

Questo sito è reso possibile dalla società di comunicazione

Anima in Corporation

Torna in cima