Focus

Il 18 novembre la Repubblica ha aperto la home con il mio libro
Nella rubrica La prima cosa bella di Gabriele Romagnoli

Incontro con i lettori alla Libreria Luxemburg di Torino –

Venerdì 22 novembre ora 18.30

Ultimi articoli

Stretti e contraddetti

Una breccia nell’Italia salviniana. È importante. Ma anche la novità che “sardine in piazza” non sia l’annuncio dell’ennesimo dehor potrebbe essere un segnale sociale significativo

22 Novembre 2019|1, Stretti e contraddetti|

Recensione di “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”

Ci sono sciagurate operazioni cinematografiche della quali la prima cosa che viene da chiedersi è: perché? Ce ne sono altre che il perché lo portano cucito nell’anima, e ti domandi anzi come mai sia accaduto tanto tardi. (altro…)

22 Novembre 2019|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Requiem per l’edicola

L’ultima ha scelto un modo eroico per scomparire, affondare per metà nell’inondazione di Venezia. Era quella di Walter, alle Zattere, che evocato così sembra una parabola dentro il Vecchio Testamento (anche se Walter non è tanto biblico). Ma un paio di edicolanti al giorno se la squagliano in punta di piedi e un brutto mattino si scopre che il chiosco è diventato l’ennesima carcassa di lamiera che nessuno vorrà, nemmeno per riconvertirla. (altro…)

15 Novembre 2019|3, Limite di velocità|

Recensione di “Ghosteen” di Nick Cave

Nella maggior parte delle lingue non esiste una parola corrispettivo inverso di orfano, che designi chi ha perduto un figlio. C’è nella lingua ebraica, shakul, in arabo con la stessa radice, thaakil, in sancrito vilomah, (altro…)

22 Novembre 2019|4, Il Nuovo Giudizio Universale|

Cosa non quadra nell’anominato sul web

Immagina, lettore, che sopra un’affollata chat su Facebook un utente ti inviti a stare zitto visto che hai ricevuto numerose condanne penali. Essendo tu incensurato decidi di querelarlo per diffamazione. Lui però usa un nickname e il massimo che nelle indagini si potrà fare è risalire al suo indirizzo IP e chiedere alla piattaforma, mediante una rogatoria internazionale, chi sia il titolare di quell’indirizzo. Facebook non lo darà, sia per policy aziendale sia perché negli Stati Uniti il reato di diffamazione non esiste. (altro…)

15 Novembre 2019|5, Web philosophy|

Indagine filosofica sulla felicità/2. Il senso vale più dei sensi

La felicità potrebbe consistere in un bel mal di denti. A condizione che si eserciti il mestiere di dentista e che il mal di denti non sia il proprio ma quello del cliente. E con un terzo presupposto fondamentale: che si aderisca a una visione di felicità coincidente con il piacere; (altro…)

8 Novembre 2019|6, Limite di velocità|

Psicologia della punteggiatura/1. Il punto

Il punto sta andando incontro, nell’uso della lingua scritta, a un duplice e contraddittorio destino. Nello scritto comune, sempre più mediato dallo smartphone, scompare (ricordo altresì che il testo digitato non è uno scritto ma uno scriparlato: l’ho spiegato qui). (altro…)

20 Luglio 2018|7, Sulla scrittura|

L’uomo che saltò fino a Berlino Ovest

Ricorre in questi giorni il trentennale della caduta del Muro. Nel 1961 però, appena chiuso il confine, un uomo si pose subito il problema di come attraversarlo. E non un uomo qualunque.

Se un berlinese la notte del 12 agosto 1961 era andato a dormire nella parte est della città, non avrebbe più varcato il confine (se non in casi eccezionali) per quasi trent’anni, (altro…)

8 Novembre 2019|8, Lo Storiopata|

Antony Gormley

Ufficio visti

Un artista che si occupa prevalentemente del rapporto tra lo spazio e il corpo umano. Questa è l’etichetta principale affibbiata ad Antony Gormley. La grande retrospettiva dedicatagli nella maestosa cornice della Royal Academy a Londra è utile a sfumare questa specializzazione e anche a suggerire quale sia il punto di equilibrio in cui l’osservazione ecosistemica (altro…)

24 Ottobre 2019|10, Ufficio visti|

L’isola paradisiaca dove 800 famiglie si prendono a sassate

Non tutto è idilliaco sopra il lago Titicaca, in Bolivia.

Sembrano persone, i boliviani, estremamente pacifiche: eppure non sfuggono alla tradizione della violenza politica che affligge l’America latina. Hanno alle spalle il loro bagaglio di sanguinose guerre di confine, e il carico di frustrazioni che ne è conseguito, visto che sono riusciti a perderle tutte. (altro…)

24 Ottobre 2019|12, Lo Storiopata|

Blizzard, Hong Kong e la rivolta dei gamers. I confini porosi della vita virtuale.

La realtà supera la fantasia è una frase vecchia, nel senso che andava bene per il mondo analogico. Nell’età digitale la fantasia e la realtà, come il fisico e il virtuale, agiscono sempre più fuse tra loro (ragion per cui possiamo definire il mondo in cui viviamo come infosfera).

Una prova clamorosa proviene dal caso #BoycottBlizzard, che sta infiammando il mondo dei gamer, soprattutto americano, ed è stranamente assente, o quasi, dalle cronache europee. (altro…)

8 Novembre 2019|9, Limite di velocità|

Dallo stato alle imprese, come si deraglia con la misurazione

È un errore la moderna ossessione per dati e quantità. A margine del libro “Contro i numeri”

Le tecnologie digitali ci offrono tante opportunità e risolvono brillantemente problemi. Ma sono contraddistinte da un vizio fondamentale: tendono non a farci fare le cose perché ci sono utili ma a farci apparire utili alcune cose perché le possiamo fare. (altro…)

24 Ottobre 2019|11, Limite di velocità|

Pipp food/12. Se Casa P. fosse un ristorante

Ogni settimana le recensioni di Michele Raviolino sulle trattorie (altro…)

13 Settembre 2019|13, Fuori strada|

.

Questo sito è reso possibile dalla società di comunicazione

Anima in Corporation

Forse vi siete persi…