Paese che invadi, sanzioni che trovi

Di |2022-04-15T09:53:11+01:0018 Marzo 2022|Limite di velocità|

Etica, efficacia e contraccolpi delle sanzioni

Oltre che dalla resistenza ucraina Putin pare spiazzato anche dalle sanzioni economiche: o più precisamente, l’inattesa resistenza ucraina ha reso “l’operazione militare speciale” sufficientemente cruenta, odiosa e lunga da offrire agli stati occidentali la determinazione e il tempo per adottarle. Si tratta di un “atto di guerra”, come dice Putin? (altro…)

Brevi considerazioni sulla guerra

Di |2022-04-15T09:59:00+01:004 Marzo 2022|Limite di velocità|

Non c’è altra specie cui sia noto il fenomeno della guerra, salvo due eccezioni nel mondo degli insetti: le termiti e soprattutto le formiche. Queste ultime, in particolare, sono gli unici animali, fuori dall’uomo, che conoscono la proprietà, possiedono riserve e beni, hanno dimore stabili e lavorano secondo gli ordini che ricevono in modo disciplinato. Secondo Gaston Bouthoul, cui si deve uno dei più completi saggi sulla natura e le ragioni della guerra (altro…)

La collezione di dischi del Wrog/7: “Sun that never sets” dei Neurosis

Di |2022-02-18T18:12:29+01:0018 Febbraio 2022|6, Limite di velocità|

Brevi video-consigli per formarsi una discoteca non convenzionale

Gatti scalciati e baci rubati

Di |2022-03-18T18:29:07+01:0018 Febbraio 2022|10, Limite di velocità|

Oltre il sensazionalismo dell’istante

La scorsa settimana il calciatore del Chelsea Kurt Zouma ha postato un video in cui fa un mazziatone al suo gatto, colpendolo con manrovesci e pedate, una in particolare simile al rinvio dal fondo. Il trattamento sembra più plastico che crudele: Zouma, filmato dal fratello che insieme a lui si sbraca dalle risate, cerca l’effetto spettacolo. Quel che appare più incredibile non è tanto che si accanisca contro il gatto (benché in termini di empatia extra-specifica tra uomini e felini sia questo l’aspetto più deplorevole) ma che si sia fatto l’idea che le immagini in rete sarebbero risultate divertenti. (altro…)

Mettersi in coda

Di |2022-06-10T14:26:13+01:0018 Febbraio 2022|12, Limite di velocità|

Sei ore di coda per fare il vaccino: accadeva ancora all’inizio di quest’anno presso alcuni hub meno efficienti. D’altronde, tra quelli che si lamentavano ce n’erano alcuni disposti a mettersi in coda per i saldi alle sei del mattino senza fiatare. La frustrazione dello stare in coda è direttamente o inversamente proporzionale all’indispensabilità del bene per il quale si sta sopportando l’attesa? (altro…)

I cinque gradi di rimozione morale

Di |2022-05-20T09:14:50+01:0027 Gennaio 2022|13, Limite di velocità|

Uno dei più devastanti attacchi alla sensibilità umana è stato il telegiornale, o più esattamente la sua messa in onda durante i pasti e le amene conversazioni familiari sui piccoli fatti della giornata. Gli esseri umani si sono abituati ad assaporare la succulenza della cena nello stesso momento in cui lo schermo portava in casa le immagini, o perlomeno le notizie, di fame e morti per denutrizione, guerre a carestie. (altro…)

Tre brevi lezioni sul rumore/ 1. Il rumore acustico

Di |2022-04-01T14:44:42+01:0027 Gennaio 2022|12, Limite di velocità|

“Ecco che mi circonda un chiasso indiavolato: abito proprio sopra uno stabilimento balneare. Immagina ora tutti i tipi di rumori che possono frastornare le orecchie: quando i campioni si allenano a sollevare palle di piombo e si affaticano o fingono di affaticarsi io li sento gemere, e ogni volta che mettono fuori il fiato trattenuto, sento i sibili del loro respiro affannato. (altro…)

La collezione di dischi del Wrog/5: “Joys abound review” di Anandi Bhattacharya

Di |2022-01-14T18:22:48+01:0014 Gennaio 2022|6, Limite di velocità|

Brevi video-consigli per formarsi una discoteca non convenzionale

Pensieri vaccinali

Di |2022-02-18T18:18:16+01:0014 Gennaio 2022|10, Limite di velocità|

“Siamo adulti e vaccinati!” si usava dire tempo fa per sottolineare di essere persona adulta e responsabile delle proprie scelte. Una volta.

Il vaccino è inutile. Il vaccino è pericoloso. Il vaccino (obbligatorio) è illiberale e incostituzionale. Tutto insieme sembra un po’ troppo, specie se gli argomenti vengono rigirati insieme come bussolotti. Più le affermazioni si sommano e confondono, più sembrano i paraventi di un unico: ho paura, a prescindere (in Italia circola anche: l’obbligo vaccinale è come le leggi fasciste, ma stranamente i più scatenati contestatori nelle piazze sono i militanti di partiti che dichiaratamente si ispirano al fascismo). (altro…)

Non c’è Web2 senza Web3

Di |2022-03-18T18:30:20+01:0014 Gennaio 2022|13, Limite di velocità|

Non c’è articolo sul web3, in queste settimane, che non cominci dicendo: in queste settimane si parla molto del web3. Quando accade che un tema concentri improvvisamente l’attenzione le possibilità sono tre:

  1. È realmente accaduto qualcosa di nuovo.
  2. È in corso un’operazione mediatica nel senso che i media hanno “costruito” il tema rispondendo alle aspettative dei lettori.
  3. È in corso un’operazione mediatica eterodiretta, cioè l’attenzione è finanziata direttamente o indirettamente da marketer.

(altro…)

La promessa, il miglior libro del 2021

Di |2022-02-18T18:19:08+01:0030 Dicembre 2021|12, Limite di velocità|

Meritatissimo vincitore del Booker Prize 2021, La promessa di Damon Galgut si potrebbe definire un romanzo che racconta con una prosa sperimentale il declino di una famiglia (altro…)

L’effetto onda, ovvero le sinergie negative

Di |2022-01-27T21:33:28+01:0030 Dicembre 2021|11, Limite di velocità|

Cosa hanno in comune la cancel culture, la diseguaglianza contemporanea e il sistema dei crediti sociali cinesi? Quello che potremmo definire, a seconda del gusto, effetto onda, oppure effetto invasione di campo oppure funzionamento di sinergie negative oppure sistema di iperpunizione e di iperpremio. (altro…)

Un target, più target, nessun target. L’evoluzione del rapporto tra brand e pubblico

Di |2021-12-30T17:44:21+01:0030 Dicembre 2021|Limite di velocità|

A tredici anni dal mio libro sull’argomento, sono tornato a parlare di target, grazie alla bella intervista di Marco de Angeli, vicepresidente dell’International Advertising Association e autore della web series “Collisions” per Italy Chapter.

Dato il contesto, ovviamente, il focus era sulla prospettiva aziendale ma si è poi ampiamente spaziato.

Ecco l’intervista

Anche se prevale un tono leggero e una gradevole vena di humor, la documentazione è solida, gli esempi fitti e illuminanti

Corrado Augias, Il Venerdì

Un trattato, mica bruscolini. Il trattato, infatti, tipo quelli di Spinoza o di Wittgenstein, è un’opera di carattere filosofico, scientifico, letterario (...) E così è. Nel suo trattato Bassetti espone il come e perché dell’offesa.

Francesca Rigotti, Il Sole 24 ore

 

C’è un passo in cui di Bassetti dice che questo è un tema sorprendentemente poco esplorato...Non lo è più da quando c’è questo libro

La conclusione del conduttore di Fahrenheit – Tommaso Giartosio

 

Queste sono le tre ragioni per cui ci si offende:

  1. Hai detto male di me

  2. Hai violato un confine

  3. Non ti sei accorto di me come, e quanto, avresti dovuto

Scopri le ragioni per non perdere questo libro

La collezione di dischi del Wrog/3: Wes Montgomery – The incredible jazz guitar

Di |2022-01-07T11:24:47+01:0017 Dicembre 2021|Limite di velocità|

Brevi video-consigli per formarsi una discoteca non convenzionale

Torna in cima