Sulla scrittura

>Sulla scrittura

Un anno senza Philip Roth. Il canzoniere della senilità

Di | 24 Maggio 2019|8, Sulla scrittura|

Nell’ultima parte della sua vita di scrittore Philip Roth ha trovato una nuova, aurea vena in alcuni libri di piccole dimensioni e rigoroso controllo linguistico. Ingiustamente la sua celebrazione postuma riguarda quasi sempre i capolavori più noti, Lamento di Portnoy e Pastorale americana, o al limite il Roth più politico de Il complotto contro l’America o La macchia umana. Quel pugno di pagine, che messe insieme non assommano la mole di uno dei suoi storici romanzi, meritano un posto particolare nella storia della letteratura per la poetica crudezza con la quale hanno dipinto lo stato interiore del maschio che invecchia. Poche opere possono competere sul tema con la forza di questo canzoniere della senilità.

I libri in questione sono quattro, scritti tra il 2001 e il 2009. Ve ne sarebbe un quinto, Zuckerman esce di scena, ma è troppo legato agli altri volumi con lo stesso protagonista per essere comparato con quelli che vado a indicare e riassumere in stile “scrivi la trama su una scatola di fiammiferi”. (altro…)

Il salone del Novecento

Di | 10 Maggio 2019|10, Sulla scrittura|

Quali sono stati i 101 libri più belli del Novecento?

Prendo spunto dallo svolgimento del Salone del Libro per proporvi una mia esposizione, con tanto di stand e case editrici immaginarie, di questi campioni del secolo che passò. (altro…)

Così comincia il romanzo/9

Di | 4 Aprile 2019|Sulla scrittura|

Continuano i brevi video di tre minuti per raccontare gli inizi folgoranti dei romanzi. In linea con il regista Werner Herzog che, quando qualcuno sosteneva di avere una grande storia tra le mani, chiedeva: “What’s your first shot?” (altro…)

Cat Person ovvero quando Obama dice: Toh! Che bel racconto!

Di | 22 Marzo 2019|Il Nuovo Giudizio Universale, Sulla scrittura|

“Mi ha ritwittato Obama”. Questa giustificazione del successo letterario risulterebbe ostica alla comprensione se enunciata (altro…)

Psicologia della punteggiatura. 3/Le virgolette

Di | 1 Febbraio 2019|Sulla scrittura|

Nessuno saprebbe dire quando è accaduto per la prima volta, di certo in televisione, probabilmente all’inizio del XXI secolo, (altro…)

Serotonina di Michel Houellebecq

Di | 18 Gennaio 2019|Sulla scrittura|

Che differenza c’è essere profetizzare e spoilerare? Michel Houellebecq si è procurato la fama del profeta (ad altri avrebbero dato dello iettatore) perché, specialmente nelle ultime due uscite, (altro…)

Cartolina per Steinbeck

Di | 14 Dicembre 2018|Sulla scrittura|

“Cosa ha da dirci sul mondo di oggi?” è una domanda quasi ossessiva che ci affligge quando riprendiamo in mano uno scrittore classico. Una domanda forse inevitabile, perché la prerogativa di un classico dovrebbe essere l’universalità, e dunque l’attitudine delle storie che racconta ad abbandonare il loro lì e prima e trasfigurarsi in un qui e ora (altro…)

Turbine il miglior romanzo del 2018

Di | 7 Dicembre 2018|Sulla scrittura|

Mettiamolo in chiaro dall’inizio. In Turbine non ci sono commissari, e nemmeno misteri da svelare. Sì, per qualche pagina c’è quel che sembra un rapimento e sullo sfondo un’antica morte mai chiarita, ma nell’insieme sono episodi marginali, che servono solo a definire meglio alcuni personaggi. In Turbine non ci sono scene di sesso, e neanche d’amore. A dirla tutta, poi, il libro è segnato da una visione profondamente negativa della natura umana, che qualcuno potrà giudicare eccessiva. (altro…)

Quattro poesie di Hayden Carruth

Di | 7 Dicembre 2018|Sulla scrittura|

(mia traduzione)

Spazzato via

(altro…)

A che gioco gioca Baricco in The game

Di | 30 Novembre 2018|Sulla scrittura|

Cominciamo con una citazione letterale.

  • Un design piacevole capace di generare soddisfazioni sensoriali;
  • Una struttura riconducibile allo schema elementare problema/soluzione ripetuto più volte;
  • Tempi brevi tra qualsiasi problema e la sua soluzione;
  • Aumento progressivo delle difficoltà di gioco;
  • Inesistenza e inutilità dell’immobilità;
  • Apprendimento dato dal gioco e non dallo studio di astratte istruzioni per l’uso; (altro…)

Quattro poesie di Husayn Bin Hazmah

Di | 9 Novembre 2018|Sulla scrittura|

(mia traduzione)

Pioggia

Non ho potuto

vederti oggi

ma non sono triste… (altro…)

Il Mussolini di Antonio Scurati

Di | 26 Ottobre 2018|3, Limite di velocità, Sulla scrittura|

Forse poteva aspettarselo dopo il suo discorso parlamentare. Alla Camera aveva opposto alla minaccia di arresto di Mussolini:
(altro…)

Resoconto Rachel Cusk

Di | 11 Ottobre 2018|Sulla scrittura|

Sarà stata una scelta felice quella dell’edizione italiana pubblicata da Einaudi, tradurre il titolo originale, “Outline” del romanzo di Rachel Cusk in “Resoconto”?  Outline indica più che altro una bozza, incompleta e rivedibile. (altro…)

Una poesia di Adonis

Di | 5 Ottobre 2018|Sulla scrittura|

(mia traduzione)

 

Salmo

Lui arriva disarmato come la foresta, e come la nuvola non può nascondersi;

ieri portava un continente e spostava il mare.

Lui disegna il rovescio del giorno. A partire dai suoi piedi fabbrica il giorno (altro…)

Così finisce il romanzo/1

Di | 5 Ottobre 2018|Sulla scrittura|

Cosi’ finisce il romanzo…indovinate voi quale (altro…)

Psicologia della punteggiatura/2. La virgola

Di | 21 Settembre 2018|Sulla scrittura|

Qualcuno sostiene che si tratti di un segno femminile: una governante della casa grammaticale, che si occupa del ménage e si sobbarca pure il disbrigo dell’emergenza, sempre con discrezione e senza fanfaronate. (altro…)

Così comincia il romanzo/8

Di | 21 Settembre 2018|Sulla scrittura|

Continuano i brevi video di tre minuti per raccontare gli inizi folgoranti dei romanzi. In linea con il regista Werner Herzog che, quando qualcuno sosteneva di avere una grande storia tra le mani, chiedeva: “What’s your first shot?” (altro…)

Perchè Eleanor Oliphant va benissimo?

Di | 13 Settembre 2018|Sulla scrittura|

Da pochi giorni sappiamo ufficialmente che diventerà anche un film, probabilmente interpretato da Reese Whiterspoon, che ne ha acquistato i diritti. (altro…)

Lo straniero

Di | 27 Luglio 2018|Sulla scrittura|

Ri/Leggere il grande romanzo di Camus. Con l’aiuto di una sua auto-recensione.

Il suo titolo è “Lo straniero”. L’apice della drammaticità è l’omicidio che segue la tensione tra un uomo di origini francese e un arabo. (altro…)

Così comincia il romanzo/7

Di | 27 Luglio 2018|Sulla scrittura|

Continuano i brevi video di tre minuti per raccontare gli inizi folgoranti dei romanzi. In linea con il regista Werner Herzog che, quando qualcuno sosteneva di avere una grande storia tra le mani, chiedeva: “What’s your first shot?” (altro…)