Quasi da baccanale

lo sbocco al mare aperto

di una metà facciale.

La tenebra labiale

rendeva il viso inerte,

scabrosa la parola

scabra la tenerezza.

Bocche decapottate

Tornano a respirare.

Siam bocche coabitanti

sopra lingue di terra

brocche di terracotta

magri fiori di serra.

Ci brilla sulle labbra

Un’alba poliglotta.

Di |2021-07-30T11:13:15+01:0028 Giugno 2021|10, Versi, versi pure|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima