Anatomia di un soldato,
Harry Parker

>Anatomia di un soldato,
Harry Parker

Un romanzo realistico ma soprattutto oggettivo. Realistico: l’autore ha combattuto in Iraq e poi in Afghnistan, dove ha perso le gambe, e la storia di “Anatomia di un soldato” è autobiografica. Oggettivo, nel senso che a raccontare sono 45 oggetti, in altrettanti capitoli. Molti oggetti militari, come gli anfibi desertici o una mina, altri ospedalieri, altri da tutti i giorni, come la borsa della madre del soldato. Gli oggetti sono  un espediente narrativo originale e qui sincero e pertinente, perché il corpo di un soldato è un grande oggetto a sua volta, ancora di più quando gli montano delle protesi. Alla storia del soldato si alterna quella di due ragazzi, che la guerra civile separa e il caso riunisce nella disgrazia. Gli oggetti narrano con asciuttezza, non sono tipi da smancerie, hanno la memoria corta e non sanno nulla dell’attualità che eccede la loro vista, non conoscono le ideologie. Offrono soltanto la brutalità dei fatti. Per questo il romanzo funziona.

 

Harry Parker

Anatomia di un soldato

Sur

Di | 20 Gennaio 2017|Libri consigliati|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.