David Grossman, in un ricordo di Amos Oz, qualifica l’idolatria e la demonizzazione che accompagnarono lo scrittore come paritetiche forme di disumanizzazione. A pensarci, in effetti, sostituire la specificità di un individuo con le proprie fobie e insicurezze è una pratica violenta di etichettamento che viola la verginità dello sguardo e la ragione stessa del giudizio.

Di | 17 Gennaio 2020|1, Stretti e contraddetti|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.