In occidente ci siamo abituati a considerare una variabile decisiva nella contesa politica fra destra e sinistra (o quel che ne rimane) l’abisso che separa le città delle campagne, attribuendo alle prime la colpa della chiusura elitista o il merito delle resistenza progressista e cosmopolita contro il populismo retrivo delle provincie agrarie. In Perù, Pedro Castillo, il neo presidente della “marea rossa” è passato in pochi mesi dal 3% delle intenzioni di voto al trionfo elettorale grazie alla spinta delle campagne contro il centralismo economicamente conservatore delle campagne. Cionondimeno, quel che attende gli andini è un rinforzo dell’antiabortismo e un’opposizione alle unioni omosessuali. Da qualunque parti lo si giri, lo splendido isolamento culturale delle città è una forma di harakiri, o per l’eguaglianza sociale o per i diritti civili. O anche per entrambi.

Di |2021-06-11T09:57:49+01:0011 Giugno 2021|1, Stretti e contraddetti|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima