Per quanto mi riguarda, i cassetti delle scrivanie sono una sorta di cimitero. Ci infilo oggetti, ritagli, opuscoli, che in quel momento mi sembrano pietre angolari della mia esistenza e che poi rimangono sommersi da nuove pietre angolari, fino a che tutte rimangono inutilizzabili per il cumulo, e infine dimenticate. Credo che il cassetto sia un buon rappresentante della categoria: “Me ne occuperò poi”, la più spudorata tra le auto-menzogne. Chissà che non abbia detto così, a un certo punto della Creazione, anche il Padreterno.

Di |2020-09-11T15:17:25+01:0012 Dicembre 2019|Stretti e contraddetti|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima