Offendersi sulla rete

Home>Offendersi sulla rete

Per quanto incredibile possa essere, ci siamo abituati a considerare normale la stabile violazione dell’anonimato nella sfera privata, e abbiamo preso a difendere l’anonimato nella sfera pubblica come regola generalizzata, e non come eccezione alla regola di apparire e rispondere delle proprie azioni. Certo, sotto alcune dittature la clandestinità sarà funzionale alla lotta politica: ma gli attivisti che hanno cambiato il destino storico di un paese sono quelli che sono passati per la galera, e i nemici in Rete che i regimi veramente temono sono i blogger che con nome e cognome li denunciano al mondo.

Anche rispetto alla militanza politica, dunque, una cosa è contrastare la sorveglianza sulle comunicazioni tra soggetti consenzienti, un’altra è legittimare che sia tutelata sempre la non identificabilità del mittente di una comunicazione rivolta al pubblico o a un soggetto non consenziente.

Lo spreco della libertà economica, quale bene sociale e non solo individuale, cominciò con Guizot che proclamava: «Arricchitevi»; lo spreco della libertà di pensiero nell’era digitale potrebbe oggi essere espresso con «Tirate palate di merda sul prossimo».

Ma perché dovremmo accettare un sistema di questo tipo solo perché tecnicamente è possibile per chiunque connettersi alla Rete?

Brano estratto dal paragrafo “Hate speech”, nel capitolo 9, “Offendersi in rete”.

Scegli dove acquistarlo
Di |2021-04-14T12:24:24+01:004 Marzo 2021|Offendersi|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima