Recensione del libro “Chiaroscuro” di Ravel Leilani

Home>Recensione del libro “Chiaroscuro” di Ravel Leilani

C’è una quantità incredibile di tracce che sembrano sul punto di diventare trame o snodi di trame, e che vengono abbandonate appena intraprese in questo romanzo di Raven Leilani, e in fondo è lo specchio della sua protagonista. “Non l’ho fatto apposta” dice e le arriva la risposta folgorante “C’è mai qualcosa che fai apposta?”. La poco più che ventenne Edith, io narrante, afro-americana pittrice mancata e lavoratrice che si precarizza durante il romanzo, non sa bene cosa fare di sé nella vita, non diciamo progettualmente ma nemmeno quando sarà trascorsa una mezzora e si imbarca in una relazione con il quarantenne nevrotico Eric e in una inattesa convivenza con la sua famiglia, composta dalla moglie Rebecca (che la invita ed è la mente più direttiva del gruppo) e dalla figlia adottiva, la tredicenne Akila, anche lei nera con seri problemi identitari nella cura dei capelli. Il romanzo è lineare ma grottesco, e si allinea ad alcuni canoni mainstream: centralità e banalizzazione dell’erotismo, preferenza per gli interni, pochi protagonisti che vivono in bolle come ci fosse un lockdown, registro ironico a tratti francamente umoristico, egocentrismo dell’io narrante che conserva tuttavia una funzionalità narrativa, rispetto contenuto delle regole di verosimiglianza, sfioramento dei temi di genere ed etnia che infiammano l’America, esplorazione empirica del disagio generazionale. E palcoscenico soprattutto femminile: i tre quarti dei romanzi internazionali migliori che ho letto negli ultimi tre anni, peraltro, sono stati scritti da donne, ma si trascinano tutti il difetto di una certa difficoltà a ritrarre i maschi oltre gli stereotipi o la deformazione, compreso questo. In compenso Ravel Leilani ha una marcia in più in termini di arguzia e raffinatezza stilistica, e la sua scrittura apparentemente lieve possiede in realtà una densità eccezionale che impone la lentezza nella lettura. Quanto a Edith, dai e dai e grazie all’imprevedibile alleata, da qualche parte arriva.

Ravel Leilani

Chiaroscuro

Traduzione di Stella Stacchini e Ilaria Piperno

Feltrinelli

Di |2021-02-19T21:14:30+01:0019 Febbraio 2021|Libri consigliati|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima