Offendersi per gli insulti

Home>Offendersi per gli insulti

Alcuni insulti, pensiamo a testa di cazzo, sin dall’origine sono privi di un’autentica denotazione. Ma non c’è tanta differenza con quelli che l’hanno persa per strada. Non esistono del resto un perfetto stronzo o il campione mondiale delle teste di cazzo; e se si adoperano queste espressioni è solo per spedirle in orbita, nel cielo dell’astrazione verbale, e rinforzare l’insulto.

Queste parole, che chiamerò insulti tipici, occupano uno spazio linguistico e sintetizzano un giudizio che più formalmente ed estesamente poteva esprimersi con «ti sei comportato male», «ti comporti sempre male» o «non hai ragionato in modo corretto, questo problema poteva essere risolto usando meglio l’intelligenza e non avresti procurato sofferenza agendo secondo etica» o anche «non si passa all’incrocio se il semaforo è rosso!». Ricorrere a un epiteto, tuttavia, non solo snellisce il giudizio, ma lo pone in secondo piano rispetto al sentimento dell’offensore; con il turpiloquio (cioè, l’uso osceno e sintetico del linguaggio) apprendiamo non tanto qualcosa sul destinatario quanto il fatto che il mittente è seriamente risentito con lui (come ha scritto Walker Read le parolacce non esprimono concetti bensì intensi stati d’animo). Si usa dire che l’insulto non è in grado di manifestarsi come atto linguistico performativo, ovvero come espressione che, anzichè descrivere le cose, le istituisce e modifica: ad esempio, «prendo te come sposa», che davanti all’officiante ottiene l’effetto del matrimonio. Non avrebbe invece senso dire: io ti insulto. In realtà quando si dà del cretino o del pezzo di merda a qualcuno si sta facendo esattamente questo. Si tratta di equivalenti sostanzialmente intercambiabili della dichiarazione «ti insulto» che mirano a incidere, in via transitoria o definitiva, sulla relazione tra il mittente e il destinatario

C’è poi una seconda categoria di insulti, che definirò specializzati, che…

 

Brano estratto dal paragrafo “Insulti tipici”, nel capitolo 3, “Gli insulti”.

Scegli dove acquistarlo
Di |2021-04-14T12:23:50+01:004 Marzo 2021|Offendersi|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima