Capitolo diciannove: Il duello

>Capitolo diciannove: Il duello

Scaricalo o guarda qui sotto il trailer

NONOSTANTE CI SIA SCRITTO “ACQUISTA” CLICCANDO SOPRA L’ICONA SCARICHI GRATUITAMENTE IL DICIANNOVESIMO CAPITOLO

TIENITI INFORMATO SUL ROMANZO E SULLE SUE PUNTATE


Iscriviti alla mia lista WhatsApp





Il trailer del capitolo

Musica consigliata per la lettura del diciannovesimo capitolo: Attack and falls Akhenaten (Philip Glass)

“Ti avrei fatto meno in salute, a quest’ora, se devo essere sincero. Ma a quanto pare c’è un po’ di disordine in giro, ultimamente. In quella clinica, tanto per dire, c’è gente che è entrata per rimettersi in sesto e invece c’è un ammasso di morti. Rimani qui a fare due chiacchiere, che è certamente più tonificante”.

 

“Memoria! Lo vedi, cominci a parlare esattamente come un umano. Non hai mai pensato che nessuna vita sarà mai estirpata sulla terra finchè esisterà la memoria? Ma sarebbe una discussione troppo sofisticata per te. E però non ti biasimo. Anche io fino a ieri ho vissuto all’ombra del rassicurante concetto che la correttezza di una procedura sia il massimo concetto filosofico ed etico elaborabile. Che fosse l’imitazione, o lo specchio della natura. Ma dietro l’apparente assenza di acredine verso questi esseri di cui ci occupiamo sulla terra nutriamo una profonda invidia, il dubbio che abbiano ragione loro. Che valga la pena di scompaginare le procedure, perchè ciò che vale è un progetto. Inseguirlo, realizzarlo, inciamparci, fallirlo, rinnovarlo, superarlo”

 

Vi soffiava ininterrottamente addosso, ma lievemente, come un’operazione di disturbo o una verifica meccanica, e poi a scendere, quasi teneramente, il maestro soffiatore che col passaggio del fiato nella canna modella il vetro, la madre premurosa che raffredda la temperatura della minestrina, il bambino che fa marciare in fila le bolle di sapone. Ma al termine, senza nemmeno inspirare, in crescendo, prima come Zefiro che sospinge Venere sulla conchiglia e poi la brusca tramontana che rovescia il gozzo nella più ingrata fra le notti acquose dei pescatori.

 

Quella che a prima vista gli era apparsa come uno spostamento laterale della capigliatura, nulla più che l’iniziativa del parrucchiere di spostare la riga della pettinatura, si rivelò a un esame più attento la mutilazione di un pezzo della testa

SCARICA IL DICIANNOVESIMO CAPITOLO

 

Vedi qui la trama e le ragioni di questo progetto

Di | 17 luglio 2017|Istruzioni per non morire|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...