Derelitti e delle pene

>Derelitti e delle pene

Un libro in tre parti, diverse ma complementari. La prima, la pena pensata, risponde alla domanda “perché punire” e si confronta con le ipocrisie sottese all’attuale sistema. La pena applicata, traccia una minuziosa storia della prigione in Italia, con il supporto di materiali d’archivio, e oscilla spesso tra il drammatico e il grottesco. L’ultima parte, la pena vissuta, è una collezione di brevi monologhi, raccolti dall’autore sulla base di colloqui effettuati nei più importanti istituti di pena del paese: più che resoconto una narrazione, condotta sul filo di una tensione linguistica che mira a restituire nello stile la frammentazione e l’isolamento delle voci ascoltate.

Scarica

Per scaricare gratuitamente il libro:

1. premere su “scarica“ 2. digitare tasto destro del mouse e cliccare su “apri” 3. digitare tasto destro del mouse e cliccare su “estrai” 

4. trasferire il file nel kindle

Il poeta che andò in permesso il giorno dei morti

Monologhi dal carcere

Sei malato e ti accorgi di quanto sei impotente quando non sei padrone di andare in farmacia o ti misurano la febbre nel corridoio, la sieropositività l’ho scoperta addosso a San Vittore, era in atto un linciaggio sul sieropositivismo, una caccia alle streghe, li vedevi crepare in tv in modo orrendo, (altro…)

Sperimentare
(da “Derelitti e delle pene”)

Di | 17 Febbraio 2017|Categorie: Derelitti e delle pene|Tags: , , , , |

Io non sono stata arrestata per reati sessuali e cosi non capisco perché devo essere classificata solo come trans, tutti gli altri aspetti della personalità sono stati cancellati, cosi sento che è vitale per me poter restare nella situazione normale,studiare, (altro…)

Se tu che leggi fossi in carcere
(da “Derelitti e delle pene”)

Di | 10 Febbraio 2017|Categorie: Derelitti e delle pene|Tags: , , , , |

Quanti discorsi si fanno sui carcerati. È giusta la pena? È sufficiente? È violenta? Per capire serve ragionare. Ma anche compenetrarsi in quell’esperienza estrema. Bisognerebbe immaginarcisi in una cella, caro lettore.

E allora immaginati chiuso in un ascensore fermo tra i piani, perché lo spazio non è tanto diverso,e la tua vita poi si è davvero fermata tra quei piani, e quel niente sminuzzato che ti capita oggi si ripeterà domani, e ancora si ripeterà.

Immaginati a vivere questa condizione di inversione dell’onere della prova. (altro…)

Miti e leggende delle
prime prigioni italiane

(da “Derelitti e delle pene”)

Di | 2 Febbraio 2017|Categorie: Derelitti e delle pene|Tags: , , , , |

È il 7 maggio 1865. Mancano cinque anni alla breccia di Porta Pia, e, nel suo piccolo,Carlo Talloni inquisito per il ferimento di un parroco, si rende precursore di epici attraversamenti di varchi senza nemmeno bisogno di ricorrere a fragore dinamitardo. (altro…)

Cuccioli
(da “Derelitti e delle pene”)

Di | 20 Gennaio 2017|Categorie: Derelitti e delle pene|Tags: , |

Un’emozione forte è stata quando dopo quattro anni sono tornata a casa, papà mi ha dovuto mettere la tovaglia,che a me tremavano le mani, le mie mani di esperta casalinga,non ho trovato nulla di cambiato,è diventata una fortuna per me che mia mamma avesse l’ictus, qui le disgrazie diventano una fortuna, qui lo perdi il diritto alla fortuna vera e ti contenti di poco (altro…)

Button Text
Button Text
Button Text
Button Text