Open space

>Open space

Questa sezione raccoglie in primo luogo le “aperture” del sito che sono quasi sempre progetti a partecipazione collettiva esterna. Trovate inoltre le auto-presentazioni di altri siti web (oppure dei post trasposti dai medesimi). Sono quelli che, ritenendoli per qualche ragione interessanti, ho contattato con una proposta: scambiarsi uno spazio per una settimana, con la dichiarata utilità di farci conoscere dai reciproci pubblici e il più largo proposito di indirizzare i navigatori del web verso promotori culturali. Infine, può capitare di trovare in Open Space qualche intervento esterno non inquadrabile in altre sezioni e che però mi intrigava ospitare.

Da Homo sapiens a Homo Sapiens Digitalis

Di | 20 Febbraio 2018|Open space|

di Carlo Mazzucchelli

Riprendiamo l’intervento di Carlo Mazzucchelli al convegno SIPNEI del 3 febbraio 2018 sull’era digitale, molti delle sue considerazioni sono in linea con il Wrog.
Un convegno che è stato un’occasione di incontro per una maggiore consapevolezza critica utile a far luce sulla complessità del fenomeno tecnologico ed incentivare una riflessione costruttiva. In questo incontro io ho portato il mio contributo che ora condivido qui con chi segue SoloTablet.

L’era digitale si è instaurata nelle esistenze umane con le caratteristiche di un processo evolutivo silenzioso, inesorabile e pervasivo.

(altro…)

La poesia salverà il mondo

Di | 16 Febbraio 2018|La poesia salverà il mondo, Open space|

Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959. Insegna in un liceo ed è direttore artistico del festival Pordenone legge. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988, Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (sassella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio).  Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondatori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondatori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondatori, 2004) e Vita della mia vita (Mondatori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondatori, 2013).

La poesia salverà il mondo

Di | 2 Febbraio 2018|La poesia salverà il mondo, Open space|

Massimo Baldi è nato nel 1981 a Pistoia, dove vive. Laureato in Filosofia a Firenze e perfezionatosi a Siena alla Scuola di Dottorato ‘Logos e Rappresentazione’, nel 2014 ha ricevuto l’abilitazione come Professore Associato di Estetica e Filosofia del Linguaggio. Esperto soprattutto dell’opera di Paul Celan, è autore del libro Paul Celan. Una monografia filosofica (Carocci, 2013) e curatore del volume collettaneo Paul Celan. La poesia come frontiera filosofica (Firenze University Press, 2008). Insieme a Fabrizio Desideri, è autore della monografia Benjamin (Carocci, 2010). Come poeta ha pubblicato le raccolte Dopoguerra delle vertebre (I Quaderni del Battello Ebbro, 2008) e Perimetri domestici (TheDotCompany, 2015).

La poesia salverà il mondo

Di | 26 Gennaio 2018|La poesia salverà il mondo, Open space|

Laura Liberale è nata a Torino il 15 maggio 1969, si è laureata in Filosofia con una tesi di Religioni e Filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente. Dopo la laurea ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca (in Studi Indologici). Traduttrice, romanziera (ha pubblicato fra l’altro Tanatoparty per Meridiano Zero), autrice di diverse raccolte poetiche, l’ultima nel 2017 La disponibilità della nostra carne per Edizioni Oèdipus.

La poesia salverà il mondo

Di | 19 Gennaio 2018|La poesia salverà il mondo, Open space|

Donatella Bisutti è poetessa (Inganno Ottico  Premio Montale per l’Inedito, Guanda 1985- Colui che viene Premio  Camposampiero per la poesia di ispirazione religiosa , Interlinea 2005- Rosa Alchemica- Crocetti, Premio Camaiore, premio Lerici Pea, Premio Laudomia Bonanni, , Un amore con due braccia, Lietocolle, Premio Alda Merini – Dal buio della terra, Empiria, Premio Lyons) saggista (La poesia salva la vita – Feltrinelli Tascabili), scrittrice per ragazzi (L’Albero delle Parole, Le Parole Magiche, La Poesia è un orecchio, Feltrinelli Kids- Storie che finiscono male, Einaudi Ragazzi), narratrice (Voglio avere gli occhi azzurri, Bompiani 1997), critico, operatrice culturale. Dirige la rivista Poesia e  Conoscenz.a. E’ Fellow della Bogliasco Foaundation. Tiene sulla rivista Poesia la rubrica La poesia italiana all’estero. Organizza incontri alla Biblioteca Sormani di Milano.  Il prossimo 9 febbraio le sarà dato a Roma il Premio alla carriera Fondazione Terzo Pilastro – Ritratti di Poesia, dato in precedenza a Maria Luisa Spaziani, Andrea Zanzotto, Giuseppe Conte.

La poesia salverà il mondo

Di | 12 Gennaio 2018|La poesia salverà il mondo, Open space|

Luigi Trucillo, nato a Napoli, è autore di sei libri di poesia: Navicelle, Cronopio, 1995; Carta mediterranea, Donzelli, 1997; Polveri, Cronopio, 1998; Le amorose, Quodlibet, 2004; Lezioni di tenebra, Cronopio, 2007 (premio Lorenzo Montano 2008); Darwin, Quodlibet, 2009 (premio Napoli 2009). Nel 2013 ha pubblicato il romanzo Quello che ti dice il fuoco (Mondadori), che è stato tradotto in tedesco.

La poesia salverà il mondo

Di | 29 Dicembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Anna Belozorovitch nasce a Mosca nel 1983 e vive tra il Portogallo e l’Italia, dove si stabilisce nel 2004. E’ laureata in Mediazione linguistica e culturale, con specializzazioni in Criminologia e Cooperazione internazionale, frequenta il dottorato di ricerca in Studi Interculturali presso Sapienza – Università di Roma. In Italia ha pubblicato le raccolte poetiche: “Anima Bambina”, “Gioventù”, “Qualcosa mi attende” e il romanzo in versi “L’Uomo alla Finestra”. Ha inoltre pubblicato, nel 2012, “Como seria bom ser chuva”, raccolta di poesie scritta in portoghese. Nel 2015 è uscito il suo romanzo “24” Scatti e il volume di “Kazimir Malevič Poesia”, da lei tradotto e curato. Con la casa editrice LietoColle 2016 è stata pubblicata la sua ultima raccolta di poesie, “Il debito”.

La poesia salverà il mondo

Di | 22 Dicembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Antonio Bux (Foggia, 1982), vive tra la Spagna e l’Italia. Suoi testi sono stati tradotti in spagnolo, francese, inglese, catalano, tedesco, rumeno e serbo. Ha curato la traduzione del libro Ventanas a ninguna parte dell’autore spagnolo Javier Vicedo Alós, oltre che la traduzione di testi scelti di autori tra i quali Leopoldo María Panero, Julio Cortázar, Dário Jaramillo, Álvaro García, Antonio Cabrera, Jaime Saenz, Pere Gimferrer, Pedro Salinas, Vicente Aleixandre e tanti altri ancora. È autore dei libri Disgrafie (Poesie 2000-2007 e altre poesie) (Salerno-Milano, Edizioni Oèdipus, 2013; libro vincitore della XXXVII edizione del Premio Minturnae Poesia Giovane “Ornella Valerio”) Trilogia dello zero (Milano, Marco Saya Edizioni, 2012) e Turritopsis (Di Felice Edizioni, Martinsicuro 2014) .

La poesia salverà il mondo

Di | 15 Dicembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Biancamaria Frabotta è nata a Roma, dove vive. Insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Roma “La Sapienza”. Poetessa, autrice di un romanzo e di testi teatrali, ha al suo attivo una vasta produzione saggistica, tra cui va ricordata l’antologia Donne in poesiaLetteratura al femminileGiorgio Caproni il poeta del disincantoL’estrema volontà. Collaboratrice di riviste, è stata redattrice di Orsa minore (dal 1981 al 1983) e di Poesia (dal 1989 al 1991). A lungo, ha scritto sul Manifesto.

La poesia salverà il mondo

Di | 7 Dicembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Simone Maria Bonin è nato a Venezia nel 1993. È laureato in Matematica ed Economia all’università di Warwick e attualmente risiede ad Aarhus, in Danimarca, dove svolge un dottorato di ricerca. Nel 2009 ha vissuto diversi mesi in Costa Rica. Assieme a Gerardo De Stefano ha curato la collana di poesia “Rigor Mortis” di Thauma Edizioni pubblicando Atlantide: Poesie, Prose e Corrispondenze di Hart Crane, prima traduzione italiana completa del poeta americano. Collabora come traduttore con la rivista letteraria online ‘Inkroci’. Suoi testi sono apparsi su “Nazione Indiana” e su “Poesia” con nota critica di Maria Grazia Calandrone.

La poesia salverà il mondo

Di | 1 Dicembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Questa settimana Gian Luca Favetto, scrittore, poeta, giornalista, drammaturgo, critico teatrale e cinematografico italiano. Conduce programmi radiofonici su RadioRai. Per diversi anni ha aderito all’iniziativa promossa dalla Fiera del Libro di Torino Adotta uno scrittore, grazie alla quale i ragazzi delle scuole superiori hanno la possibilità di incontrare in classe uno scrittore, leggerne le opere e confrontarsi con lui sui temi della lettura e della scrittura.

La poesia salverà il mondo

Di | 24 Novembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Questa settimana Paolo Febbraro, nato nel 1965 a Roma, dove vive. Poeta e saggista, ha pubblicato fra l’altro le opere poetiche Il Diario di Kaspar Hauser (2003, tradotto in spagnolo e in inglese) e Fuori per l’inverno (2014). Fra i lavori saggistici: L’idiota. Una storia letteraria (2011) e Leggere Seamus Heaney (2015). Nel 2016 è uscito un volume di racconti e prose brevi, I grandi fatti.

La poesia salverà il mondo

Di | 17 Novembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Questa settimana Sonia Gentili, docente di Letteratura Italiana (università di Roma “La Sapienza”), autrice di studi sulla letteratura medioevale e del Novecento, vincitrice del premio per la letteratura “A. S. Novaro” (Accademia dei Lincei, 2009), ha esordito con la raccolta di poesie L’impero e la Gorgone, prefazione di Giorgio Patrizi, Giulio Perrone editore, 2007. La sua seconda raccolta di poesie Parva naturalia è uscita nel 2012, con prefazione di Elio Pecora, per Nino Aragno editore. Con la raccolta di versi “Viaggio mentre morivo” (Aragno) ha ottenuto il Premio Viareggio- Rèpaci 2016.

Invece di ricaricare lo smartphone, ricarica te stesso

Di | 14 Novembre 2017|Open space|

di Carlo Mazzucchelli

La ricarica dello smartphone, soprattutto ora che è diventata wireless, non è più un problema, lo è invece riuscire a rinunciare a un dispositivo che ha colonizzato la vita reale e quella virtuale in modo pervasivo, incatenando la mente, occupando il tempo e imprigionando l’attenzione di chi lo usa.

L’innovazione tecnologica continua sta cambiando la moda, con sempre nuovi materiali e componenti tecnologici indossabili come sensori, RFID, fibre vegetali ed elettroniche. (altro…)

Resistenze

Di | 27 Ottobre 2017|Open space|

I pinguini resistono al riscaldamento globale: se il ghiaccio nel loro habitat scarseggia, mancano anche calamari e krill, loro principale fonte di nutrimento; se aumenta, devono fare viaggi troppo lunghi per arrivare al mare e procacciare cibo per i piccoli. A inizio ottobre una colonia di Adelia, in Antartide, è stata quasi completamente sterminata per l’eccesso di ghiaccio: di 40mila esemplari sono sopravvissuti solo due pulcini

Le tartarughe marine resistono al rischio di estinzione. 40mila vengono uccise ogni anno dalla pesca a strascico, dalle reti fisse e dall’ingestione di sacchetti di plastica, che scambiano per meduse

Il rischio di estinzione non dipende dalle taglie: anche gli orsi polari cercano di resistervi. Tra cambiamenti climatici e trivellazioni, il 75% degli orsi polari rischia di scomparire entro il 2050 minacciati dall’innalzamento delle temperature globali e dalle esplorazioni petrolifere favorite dall’apertura di passaggi navigabili tra i ghiacci.

I cavallucci marini resistono all’inquinamento dei mari. Si stima che entro il 2050 il peso totale dei pesci presenti nei mari e negli oceani possa essere superato da quello della plastica; del resto ogni anno vi gettiamo oltre otto milioni di tonnellate di rifiuti composti da questo materiale. Le foto sono state scattate dal vincitore del premio fotografo naturalista 2016, Justin Hofman.

I rinoceronti resistono al bracconaggio: erano 160mila nel 1970, oggi ne sono rimasti 25mila in Africa e 4mila in Asia. Su tutta la Terra, si stanno estinguendo al ritmo d’un migliaio d’ammazzati l’anno. Un corno di cinque-sei chilogrammi vale sul mercato cinese o vietnamita dai 150 ai 300mila dollari, su certe piazze molto più della cocaina. Le credenze popolari lo vogliono afrodisiaco e curativo

L’Ululone dal ventre giallo, un rospo canterino delle aree appenniniche, resiste alla diminuzione delle piogge e alla restrizione del suo habitat riproduttivo, costituito da pascoli oggi in gran parte abbandonati

Achille resiste alle difficoltà della vita in canile, e alla tentazione di perdere la fiducia nell’uomo. Si stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80mila gatti e 50mila cani. Nel 2016 oltre 65mila cani vaganti senza proprietario sono stati ricoverati nei canili sanitari

La foca grigia resiste alla paura dell’uomo e festeggia come un cucciolo canino un sub incontrato per la prima volta.

Resistenze

Di | 20 Ottobre 2017|Open space|

Questa settimana Fulvio Rossi, magistrato in pensione che resiste all’indifferenza dell’ordinamento verso le vittime dei reati attraverso la Palestra dei diritti e i corsi gratuiti di legittima difesa, specie per le donne.

Cosi lo smartphone sta cancellando il tablet

Di | 18 Ottobre 2017|Open space|

Carlo Mazzucchelli , il versatile studioso delle nuove tecnologie e l’ideatore di SoloTablet interviene sul wrog

Benchè la crescita a due cifre del mercato si sia fermata, lo smartphone conferma il primato acquisito come piattaforma per il personal computing. Una piattaforma preferita al personal computer ma anche al tablet. Il dispositivo, usato da più di due miliardi di persone, è sempre più misura di tutte le cose, confermando l’aspirazione della tecnologia che lo ha reso possibile a diventare (altro…)

Resistenze

Di | 13 Ottobre 2017|Open space|

Robert Marchand, ciclista di 105 anni, che resiste al tempo dei record

Gillo Dorfles, critico d’arte di 107 anni, che resiste al tempo dei pensieri

Tao Porchon, l’insegnante di yoga di 98 anni, che resiste al tempo del corpo

Giulio Podda, attore di 104 anni, che resiste al tempo delle parole

Resistenze

Di | 6 Ottobre 2017|Open space|

Questa settimana una breve cavalcata in video sugli atleti neri che protestano con gesti simbolici durante l’inno nazionale. Una storia che comincia alle Olimpiadi del 1968.

Resistenze dei popoli

Di | 29 Settembre 2017|Open space|

Gli indios Guaranì in Brasile resistono all’espropriazione delle loro terre

Il guerrilla gardening resiste al grigio e al cemento metropolitano

Le comunità della Guinea Bissau resistono alla deforestazione del loro Paese

Raja Fajar Azansyah resiste al dissesto idrogeologico del Borneo

A Dakar, in Senegal, le scuole di strada combattono l’analfabetismo e le disparità fra i sessi nell’accesso all’istruzione