Tg da 4 a 90 anni

>Tg da 4 a 90 anni

L’arminuta, Donatella Di Pietrantonio

Quando uno è d’obbligo, due diventa zero. Una ragazzina che la sua famiglia ha dirottato alla nascita presso parenti più abbienti, viene improvvisamente e senza spiegazione restituita al mittente. […]

Diego De Silva recensisce il grembiule scolastico

Antologia di Giudizio Universale Scarica il pdf!

Gao Bo

Ufficio visti Quando aveva 30 anni la madre si suicidò davanti a lui. Le sue ultime parole furono: “Figlio, sentiti libero di amare l’umanità, perché dell’odio mi sono fatta carico io”. Gao Bo ama l’umanità e, forse per questo ne vede soprattutto la fatica nel raggiungere le mete e la necessità di raggiungerle per sottrazione, come per i monaci buddisti o gli emigranti. […]

Di | 24 marzo 2017|Categorie: 9, Ufficio visti|Tags: , , , |

L’uomo che chiudeva gli occhi

Racconto Commissario, gli dico mentre incrocio i suoi occhi grigi sui quali si stira verticale un filo rosso di sangue, commissario, lei dica e pensi quello che vuole, lei è pagato per farsi i fatti degli altri e guardare in casa loro ma io no, io sono contento di vivere in un posto dove la gente è discreta, non come al sud, che un collega mio che ci vive mi ha raccontato un detto, […]

Di | 24 marzo 2017|Categorie: 2, Lo Storiopata|Tags: , , |

Dall’intimità all’estimità? Gioie e patologie delle condivisioni in rete

A cosa risponde l’impulso di postare contenuti personalissimi sui social media? Sarebbe opportuno controllarlo? Quale valore assume per se stessi? Lo psichiatra francese Serge Tisseron ha coniato nel 2001 il termine “extimitè” che possiamo letteralmente tradurre in italiano come estimità. Il neologismo in realtà si deve a Lacan (con un significato diverso), è stato ripetutamente utilizzato da Bauman, ha salde radici etimologiche nella lingua latina (della quale avevamo conservato intimus ma perduto il suo opposto extimus). […]

Il percorso di una nuova democrazia va intrapreso, più che nel segno di un radicalismo rivoluzionario (che ha sempre spianato la strada solo a nuove oligarchie o celato il regolamento di conti tra quelle vecchie) [...]

Di | 24 marzo 2017|Categorie: Democrazia secondo me|Tags: , , |

È un fatto costante oggi, negli Stati Uniti, che gli uomini più notevoli sono raramente chiamati alle pubbliche funzioni…è evidente che la razza dei grandi uomini di stato americani è singolarmente degenerata in quest’ultimo mezzo [...]

È il turno di Francesco Mecozzi

Il carcere dopo la guerra. Prima puntata

Estratto (da “Derelitti e delle pene”) Le prigioni repubblicane. Il carcere della vergogna   Per fronteggiare l’emergenza degli italiani prigionieri di guerra in Italia, nel 1945 si allestirono, a fianco delle carceri ordinarie, delle prigioni supplementari, di solito consistenti in campi all’aperto. […]

Quando si giocava la schedina

Estratto (da “Storia e storie dello sport in Italia”) Ad associare il mondo del calcio all’idea dell’arricchimento fu anche il decollo del Totocalcio, il concorso pronostici delle partite. L’idea della schedina venne in mente al giornalista triestino Massimo Della Pergola mentre si trovava in un campo d’internamento durante la guerra.Al ritorno, ottenne l’autorizzazione dello stato a vararla e gestirla per mezzo di una società chiamata Sisal,nome che per consuetudine avrebbe indicato la schedina stessa. […]