Stretti e contraddetti

>Stretti e contraddetti

Ho trovato esaltante che un personaggio pubblico per definizione disinteressato alla politica, quale si vuole sia un calciatore, abbia postato una foto con uno slogan di sostegno ai rifugiati, accettando di incassare oltre agli elogi gli inevitabili insulti. La questione della migrazione è un problema epocale che impone di schierarsi a chiunque rivesta, anche incidentalmente e non per qualità intellettuali, un ruolo di influencer. Dico prendere posizione, e non per forza favorevole. A Marchisio, come da prassi, hanno domandato perché non dia lui ai rifugiati i milioni che guadagna. A me però piacerebbe sapere dai tanti calciatori stranieri che giocano in Italia con quale tranquillità spendono i loro in un paese che minaccia di negare l’approdo anche a chi scappa dalla guerra o dalla carestia ma non sa mettere una pallone in mezzo all’area. Ovviamente quello dei calciatori è solo un esempio, la partecipazione militante delle personalità pubbliche non politiche sarebbe un contributo per scuotere il dibattito. E anche un modo per conoscerli meglio, perché non basta pararsi il culo timbrando (tardivamente) il cartellino del #metoo.

Di | 22 giugno 2018|Stretti e contraddetti|

Un commento

  1. Angelo 02/07/2018 at 11:35 - Reply

    Sarebbe davvero auspicabile che molte personalità pubbliche si esprimessero sulla questione immigrazione.
    Temo tuttavia che il timore di perdere consenso popolare o di non divenire graditi a chi tiene le chiavi di accesso alle tv publliche e private, renda silenziosi , opportunisticamente, i piu…….ahimè !

Questo articolo mi ha fatto pensare a...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.