Stefano Bollani intervista voce e pianoforte. Esclusiva Wrog

>Stefano Bollani intervista voce e pianoforte. Esclusiva Wrog

Stefano Bollani al piano risponde alle domande di Remo Bassetti

Fermati un'attimo.

Ti piace quest'intervista? Rimani aggiornato!

Ho pubblicato qui oltre 900 articoli di cultura in 2 anni. Vorrei inviarti la newsletter settimanale, che ne dici?

Articoli correlati

Perché si parla tanto del silenzio

Siamo seduti a fianco alla persona che amiamo, entrambi avvolti in un silenzio che si prolunga per diversi minuti. Cosa significa? Siamo arrabbiati? Non abbiamo più niente da dirci?
O piuttosto stiamo toccando il vertice dell’intimità, consentendoci il lusso di scavalcare la recinzione della parola (come mai potremmo fare per più di dieci (altro…)

Di |

Diventeremo tutti incompetenti?

L’angoscioso interrogativo sulla possibilità che l’intelligenza artificiale distrugga più posti di lavoro di quelli che si possono creare può essere espresso in varie forme. Una di queste è: le macchine diventeranno più competenti di noi? E’ un’ipotesi che appare plausibile già oggi, viste la superiori capacità di calcolo e di gestione informativa delle nuove tecnologie. Ma per rispondere seriamente è necessario domandarci cosa precisamente intendiamo per competenza. Partiamo dalla più semplice delle definizioni: la competenza è una specializzazione. (altro…)

Di |

La decelerazione felice

Sono efficaci i corsi di lettura veloce? Esistono delle tecniche seguite da molti, ma Beniamino Placido giustamente osservava che il modo migliore per leggere velocemente rimane avere letto molti libri. (altro…)

Di |

Blockchain in panne

La blockchain è la più ideologica fra le tecnologie digitali. Costituisce il culmine dell’anarco-libertarismo che ha animato inizialmente lo spirito della Silicon Valley e la sua sfiducia verso ogni forma di autorità centrale. L’idea di fondo è che grazie a un controllo distribuito fra i partecipanti a un network (altro…)

Di |

Recensione del film “5 è il numero perfetto”

Ogni padre sogna che il figlio condivida qualcuno dei suoi interessi, o addirittura ne segua le orme nel mestiere, e fantastica che questo passaggio di testimone generazionale venga suggellato ritualmente da un dono. E Peppino Lo Cicero, sicario camorrista pensionato nella Napoli dei primi anni ’70, (altro…)

Di |

Scriparlare

Dove va la lingua italiana con gli strumenti digitali? Una riflessione sociolinguistica (e social-linguistica)

Tra i linguisti, qualcuno lo chiama e-taliano, qualcuno italiano digitato, qualcuno italiano trasmesso. È l’italiano praticato sui social e negli sms, che personalmente ho in passato definito scriparlato. Il dato interessante, in effetti, è che più che una variante intermedia tra scritto e parlato si tratta di un parlare mediante lo scritto, accompagnato com’è da tutta una serie di prerogative tipiche dell’oralità. A partire, direi, dalla sua urgenza. (altro…)

Di |

Una poesia di Adonis

(mia traduzione)

 

Salmo

Lui arriva disarmato come la foresta, e come la nuvola non può nascondersi;

ieri portava un continente e spostava il mare.

Lui disegna il rovescio del giorno. A partire dai suoi piedi fabbrica il giorno (altro…)

Di |

Natività

Ingravidato nel ventre del mattino

mi partorisce ogni giorno il sorriso

tuo dintorno, il sorgente che inventi.

Del viso nell’abbraccio, s’insemina

d’eterno la terra senza ghiaccio.

Di |