Per predire il futuro basta predire il presente. I dilemmi morali di Black Mirror

>Per predire il futuro basta predire il presente. I dilemmi morali di Black Mirror
Gli scienziati che lavorano all’intelligenza artificiale si dichiarano ottimisti sul fatto che i robot saranno, un giorno, anche in grado di produrre empatia. Ma se davvero proveranno, o quanto meno, replicheranno emozioni, dovremo nei loro confronti comportarci secondo la stessa etica propria delle relazioni intraumane?Ad oggi la filosofia morale si pone in rapporto con le macchine considerandole esclusivamente come oggetti, per lo più interrogandosi su quanto sia lecito fare a noi, attraverso questi strumenti, e su quali codici debbano essere introdotti dentro robot messi in condizione di operare scelte dai riflessi morali: si comincia a dibattere di dove debba sterzare e come debba frenare l’automobile quando siano in gioco, alternativamente, la vita del conduttore e quella dei pedoni che attraversano la strada.

 Se però l’IA si affinerà, magari riproducendo caratteri delle persone che affianca, potremmo trovarci di fronte a dilemmi che coinvolgono le macchine, o altre forme di duplicazione degli esseri umani, come soggetti senzienti.

Di | 12 gennaio 2018|Limite di velocità, Web philosophy|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...