Il silenzio, Erling Kagge

>Il silenzio, Erling Kagge

Chi potrebbe essere più autorevole a scrivere sul silenzio dell’uomo che per primo ha raggiunto da solo il Polo Sud? In realtà il silenzio di cui parla Erling Kagge, in questo affascinante trattatello è soprattutto quello interiore, e aprirgli la strada dentro non è solo questione di isolamento acustico:tant’è che  il calciatore che segna in quel momento non percepisce alcun suono dello stadio (riporta al riguardo una testimonianza diretta). L’eliminazione del superfluo e dello spreco non riguarda tanto le parole quanto l’attenzione. Quanto interessa a Kagge, nella forma di 33 brevi risposte a cosa sia il silenzio e dove trovarlo, è in realtà salvaguardare la capacità di stupirsi del mondo che ci circonda. Il che a volte significa quasi abbandonarlo ed altre esplorarlo nei dettagli più nascosti. Con la consapevolezza che, per i perversi effetti della dopamina, “più veniamo disturbati e più desideriamo essere distratti”  ( a causa della la tecnologia veniamo disturbati e distratti parecchio: Kagge si cruccia molto per le sue figlie adolescenti), e l’altra per cui abbiamo l’impressione che non stia accadendo niente anche quando capitano troppe cose.

 

Erling Kagge

Il silenzio

Einaudi

Di | 1 Giugno 2017|Libri consigliati|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.