Capitolo tredici: La scelta

>Capitolo tredici: La scelta

Scaricalo o guarda qui sotto il trailer

NONOSTANTE CI SIA SCRITTO “ACQUISTA” CLICCANDO SOPRA L’ICONA SCARICHI GRATUITAMENTE IL TREDICESIMO CAPITOLO

TIENITI INFORMATO SUL ROMANZO E SULLE SUE PUNTATE


Iscriviti alla mia lista WhatsApp


Il trailer del capitolo

Musica consigliata per la lettura del tredicesimo capitolo: Belle époque (In the Nursery)

“Non volevo aprire a te” replicò molto diretta lei.

“Perché ti ho trascinata in questa storia? No sono mortificato. Guarda che era l’ultima cosa che volevo”

Amande si staccò guardandolo dritto negli occhi.

“Questa storia in certi momenti mi pare molto eccitante. Forse qualcuno di quei delinquenti ti ha seguito sino a qui e sta per sfondare la porta. E’ terribilmente stupido che io possa morire per une questione con cui non ho niente a che vedere. Eppure lo sai, no? che mi piace sentirmi viva. Protagonista. Scopro d’improvviso che l’animale che fugge dai cacciatori è vivo e protagonista. Te lo ripeto, può essere eccitante. Solo che non stanno cercando me i cacciatori. Stanno cercando altre prede. Io trotterello innocentemente per i sentieri e i cacciatori dicono: boh, esercitiamoci, tiriamo a quella. Questo ti fa sentire già morta, e casualmente capitata sulla scena. Da quanti anni ci vediamo Roberto? Abbiamo stabilito dei paletti. Tutta la nostra ritualità, anche la mia, è un’ostentazione di quei paletti. Non si sa come, dopo tutti questi anni, ancora scopiamo come se con i nostri orgasmi volessimo spaccare il mondo. Poi io mi alzo e ti fumo in faccia. Parliamo di un film, di qualcosa che ci ha colpito. Non c’è un amico che abbiamo in comune, su cui spettegolare, e non parliamo della spesa, perché non esiste una spesa comune che ci riguardi. Non posso avere dimenticato di prendere la birra per noi perché cenare due uova insieme è già fuori dai nostri orizzonti. Sarebbe un progetto troppo compromettente. La tenacia e la regolarità con cui ci vediamo sono inversamente proporzionali alla varietà che abbiamo introdotto nel nostro copione”.

 

Roberto pensò che in una sola giornata la figlia e l’amante si erano proposte di rovesciare con una certa arroganza alcuni principi che a lui parevano di buon senso, pretendendo per giunta di squalificarli sia sul piano razionale che su quello emotivo. Rose aveva sostenuto che veicolare passivamente informazioni sullo stato di salute di persone malate a gente che intendeva specularci fosse più immorale che spacciare droga; e adesso Amande indicava in lui l’egoista che pospone ai suoi problemi quelli degli altri perché non si preoccupava di sedare le ansie esistenziali di lei, se non da vivo almeno con la sua salma. Eppure in entrambi i casi non si sentiva di difendere sino in fondo la sua posizione.

 

“E questo da voi sarebbe corretto?”

“Intendi?”

“Spiare. Spiare due che fanno sesso”

SCARICA IL TREDICESIMO CAPITOLO

 

 

Vedi qui la trama e le ragioni di questo progetto

Di | 5 Luglio 2017|Istruzioni per non morire|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.