Capitolo dieci: I killer

>Capitolo dieci: I killer

Scaricalo o guarda qui sotto il trailer

NONOSTANTE CI SIA SCRITTO “ACQUISTA” CLICCANDO SOPRA L’ICONA SCARICHI GRATUITAMENTE IL DECIMO CAPITOLO

TIENITI INFORMATO SUL ROMANZO E SULLE SUE PUNTATE


Iscriviti alla mia lista WhatsApp


Il trailer del capitolo

Musica consigliata per la lettura del decimo capitolo: Mater tenebrarum (Keith Emerson)

Roberto aveva conservato la fissazione che già lo assillava da bambino, quella resistenza ad addormentarsi durante il giorno per il timore di perdersi chissà cosa di essenziale fosse capitato nello stesso momento. Quando il getto d’acqua gelida proveniente da un secchio che Coda di Cavallo gli aveva buttato addosso lo risvegliò provo lo stesso senso di colpa, tanto forte da offuscare per qualche secondo i terribili dolori alle costole che i pugni e i calci degli aguzzini gli avevano procurato. Ma capì che non si era perso proprio nulla, che la perdita di coscienza doveva essere durata pochi secondi. Nessuno aveva mutato la sua espressione di un sopracciglio, non uno dei banditi, non Amande, non Rose. Si rigirò a terra appena sul lato opposto e Ramon dovette interpretare il movimento come un’educata offerta perché gli tirò ancora un calcio che per fortuna, stavolta, andò per metà a vuoto ma comunque gli fece scricchiolare un osso vicino al gomito sinistro. Gemette e si abbandonò supino, in attesa di un nuovo colpo ma Ramon ghignando si allontanò di qualche passo.

 

“Sì, è meglio che vada di fuori per un po’. Sono di cuore tenero, certe scene mi fanno orrore. Trattamento speciale per le ragazze, Ramon. Ricordi quelle due ad Acapulco?”.

Il viso di Ramon si distese in un sorriso come gli fosse stata rammentata la vittoria in una gara di tuffi dallo strapiombo della Quebrada: “Cristo santo. Avevi detto che è l’unica volta che avevi provato disgusto per te stesso nella tua vita!”.

“Fai molto peggio” rispose Ramon. Estrasse da un fodero scuro penzolante dalla parete un coltellaccio curvo e con millimetrica precisione lo mandò ad atterrare su uno sgabello a un passo da Ramon, girò le spalle e picchiò sulla porta. Si sentì la chiave girare dall’esterno. L’altro gangster che nel parco si era affiancato a Rose prese il suo posto nella stanza.

 

“E’ questa una delle cose che non apprezzo, che mi fa sentire un burocrate. Delle merde così e hanno già campato una quarantina d’anni”.

 

“Ma gli avrà dato di volta il cervello sul serio” venne assalito dal dubbio Ramon spostando per il momento la torcia da vicino al corpo di Amande.

SCARICA IL DECIMO CAPITOLO

 

Vedi qui la trama e le ragioni di questo progetto

Di | 30 Giugno 2017|Istruzioni per non morire|

Questo articolo mi ha fatto pensare a...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.