Il futuro della democrazia

>Il futuro della democrazia

La più famosa frase sulla democrazia è “il peggior sistema politico, salvo tutte le altre forme che si sono sperimentate finora”. Il guaio è che, per evitare di essere rubricati tra gli altri regimi, tutti i governi oggi si proclamano democratici. Così quel termine sempre più appare svuotato di significato e obiettivi. Norberto Bobbio, molti anni fa, intitolò il suo testo più noto “Il futuro della democrazia”. Forse di quel futuro c’è da essere più preoccupati adesso, anche se non ce ne accorgiamo. Anzi: proprio perché non ce ne accorgiamo.

Democrazia secondo voi

Di | 31 Marzo 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , , , , |

Democrazia secondo voi

Di | 9 Marzo 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , , , , |

Oggi il video-intervento di Donatella Salari, magistrato, rivolto alle donne occidentali

Democrazia secondo voi

Di | 3 Marzo 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , , |

Il video-intervento di Alessandro Gambarini, operatore umanitario, rivolto ai cittadini dei mondi

Democrazia secondo voi

Di | 24 Febbraio 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , |

Il discorso di Pericle Filippo Santoni de Sio, filosofo, rivolto agli ingegneri e ai cittadini tecnologici

Democrazia secondo voi

Di | 17 Febbraio 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , , , |

Il video-intervento di Mimmo Candito, reporter di guerra rivolto agli esportatori di democrazia

Democrazia secondo voi

Di | 25 Gennaio 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , , |

Oggi il video-intervento di Giovanni De Luna, storico italiano, rivolto alla repubblica degli storici e ai cittadini

Democrazia secondo voi

Di | 17 Gennaio 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , , |

Video-intervento di Silvana De Mari, scrittrice e medico, rivolto agli uomini e donne che si amano

Democrazia secondo voi

Di | 10 Gennaio 2017|Categorie: Democrazia secondo voi, Open space|Tags: , , , |

Il video-intervento di Riccardo Polidoro,  avvocato penalista, rivolto agli italiani.

Siete cento? Per fare la rivoluzione bastano tre persone e mezzo (nonviolente)

La sorprendente regola del 3,5%: dal 1900 alle manifestazioni di Hong Kong

Parrebbe, il 2019, un grande anno per le proteste di piazza nel mondo. (altro…)

Di | 11 Settembre 2019|Categorie: 4, Il futuro della democrazia|Tags: |

Critica non pregiudiziale della piattaforma Rousseau

Mettiamo che nella votazione pro o contro il governo Conte bis abbia votato 70.000 volte Casaleggio. E che abbia votato in modo divergente (e soprattutto in prevalenza a favore del governo) solo per non farsi scoprire. Questo significa che la piattaforma funziona male, come funzionano male i seggi elettorali nello Zimbabwe. Non che siano un errore di principio, né la piattaforma Rousseau né le elezioni nello Zimbabwe. Ma mentre per le seconde il problema è pubblico, e mette in pericolo l’espressione democratica del voto, (altro…)

Di | 6 Settembre 2019|Categorie: 8, Il futuro della democrazia|Tags: |

Ti avevo già votato, quindi adesso no. La volatilità elettorale

Ormai non è una novità, ma il dato più impressionante della elezioni per il Parlamento Europeo è la volatilità elettorale. In Italia il fenomeno è macroscopico: proprio le Europee, nel 2014, incoronarono Renzi con un quaranta per cento che si sarebbe sgretolato nel giro di un anno. (altro…)

Di | 28 Maggio 2019|Categorie: 12, Il futuro della democrazia|Tags: |

La raccomandazione

Il primo censimento da fare è quello dei raccomandati. Alla televisione e nella pubblica amministrazione. Così disse Di Maio, poco dopo la formazione del governo, interpretando il sentire spesso manifestato dal suo elettorato. Solo che la questione dei raccomandati (altro…)

Di | 15 Febbraio 2019|Categorie: Il futuro della democrazia|Tags: , |

A chi togliere il diritto di voto

Ma è proprio vero che alle elezioni debbano votare tutti? Sul suffragio universale, a lungo considerato il più esaltante e incontroverso successo raggiunto dalla democrazia, vi sono ormai quattro categorie di pensatori: (altro…)

Reddito di cittadinanza e spese immorali

Di fronte a un provvedimento politico presentato in modo stravagante, un buon esercizio costruttivo consiste nell’assumere un atteggiamento di questo tipo: “Va bene, queste sono un cumulo di sciocchezze. Ma c’è qualcosa di buono che può essere sviluppato partendo dai principi che ci sono dietro?”. (altro…)

Prendi in affido un elettore

La discussione politica in Italia, quella in bocca alla gente comune prima che agli esponenti di partito, negli ultimi mesi si è fatta molto più frequente e accesa che negli anni precedenti. In sé potrebbe anche essere una buona notizia. Il primo difetto che si rileva, tuttavia, è che essa si risolve, quasi esclusivamente, nella discussione sui migranti. (altro…)

Possiamo parlarne in modo serio?

I guadagni dei parlamentari italiani

E’ possibile, in Italia, parlare di stipendi e pensioni dei parlamentari in maniera che non sia burina, demagogica o vendicativa? (altro…)

Democrazie illiberali (o tirannie democratiche)

Dio è morto, Marx pure e anche la democrazia non si sente tanto bene: così potrebbe aggiornarsi il famoso aforisma di Woody Allen. E’ parecchio che la democrazia transita per responsi clinici negativi. All’inizio del 2018 il più autorevole report internazionale sulle sue condizioni, Freedom House, ha constatato che 35 paesi hanno migliorato le libertà concesse ai propri cittadini contro 71 che le hanno ridotte, e si tratta del dodicesimo anno consecutivo in cui la colonna del passivo supera quella dell’attivo. Insomma, non basta sapere che Ecuador e Nepal stanno facendo progressi per indurci all’ottimismo. (altro…)

Come la strategia del petalo ha affondato i partiti di sinistra

Lunga morte alla sinistra? Che la vecchia divisione ideologica non valga più e le vecchie categorie destra/sinistra siano “stampelle del passato” è un ritornello intonato almeno dalla caduta del muro di Berlino, ma evidentemente è un rifiuto biodegradabile difficile da smaltire visto che ce lo si ritrova puntualmente fuori dalla porta. Le ragioni indicate come decisive per il suo superamento si rivelano spesso contingenti: così è stato per l’ingrossamento della classe media che, per effetto della crisi economica, è da tempo soggetta a una nuova, forte forma di segmentazione, se non addirittura a una neo-pauperizzazione per le fasce poste sui gradini più bassi. (altro…)

Manda il tuo video

Chiunque può inviarmi il suo Discorso di Pericle ai giorni nostri ed essere inserito nella pagina dedicata. Basta autoprodurre, anche con una webcam o uno smartphone a buona definizione, un video di non oltre tre minuti, di libero contenuto purchè attinente alla democrazia e con la precisa indicazione della comunità scelta al posto degli ateniesi, e poi e mandarlo con WeTransfer all’indirizzo del sito insieme ai propri dati. E’ preferibile che il video cominci, come il Discorso di Pericle, con “Noi qui a…..(comunità di riferimento) facciamo così”. Non verranno pubblicati video di qualità visiva troppo scadente, contenenti ingiurie o che costituiscono promozione di una specifica forza politica, non essendo questo lo scopo dell’iniziativa. Se trovo un Discorso molto interessante è possibile che lo faccia transitare in home page, come quelli che ho specificatamente richiesto.