Open space

>Open space

Questa sezione raccoglie in primo luogo le “aperture” del sito che sono quasi sempre progetti a partecipazione collettiva esterna. Trovate inoltre le auto-presentazioni di altri siti web (oppure dei post trasposti dai medesimi). Sono quelli che, ritenendoli per qualche ragione interessanti, ho contattato con una proposta: scambiarsi uno spazio per una settimana, con la dichiarata utilità di farci conoscere dai reciproci pubblici e il più largo proposito di indirizzare i navigatori del web verso promotori culturali. Infine, può capitare di trovare in Open Space qualche intervento esterno non inquadrabile in altre sezioni e che però mi intrigava ospitare.

Riposi

Di | 26 Luglio 2019|Open space|

Anche addormentarsi per il gatto domestico è in parte un segno d’amore per il padrone, perché predilige quelli dove ritrova il suo odore. A volte, però se si voleva leggere è un problema.

I giapponesi sono, nel mondo, i più attaccati al lavoro. Pure quando, più o meno dove capita, si addormentano.

Non è solo nell’asciutto buio del convento che è possibile cercare Dio

C’è chi per riposarsi con lo sport preferisce le sensazioni forti. Il base jumping in una trentina di anni ha provocato circa 200 morti

L’età in cui si è costretti a riposarsi stabilmente finisce per essere quella in cui si socializza per più ore all’aperto

Da quando si è scoperto che il riposo migliora la produttività dei dipendenti del 30 per cento le aziende cinesi incentivano una pennichella

Per quale mistero gli esseri umani pensano che la spiaggia sia in ogni caso un buon modo per distendersi?

Calore

Di | 12 Luglio 2019|Open space|

La Marathon des Sables (“Maratona delle Sabbie”) è una corsa sulla distanza di 240 km che si svolge interamente nel Sahara marocchino ad aprile. Dura una settimana, con sei frazioni e un giorno di riposo. Al ristoro, ogni 10 km, i partecipanti possono ritirare la razione personale di acqua giornaliera (nove litri).

Le temperature massime quotidiane  possono raggiungere i 40°C durante questa stagione.

Energie rinnovabili – Padri e figli, è una raccolta di 16 scatti del fotografo francese Grégoire i. Due soggetti per fotografia si stagliano sullo sfondo nero: padri e figli che si sostengono, si guardano, si trasmettono calore nelle forme tattili diverse che l’età suggerisce.

Un team di ricercatori, guidato da Rafaela Takeshita dell’Università di Kyoto, ha realizzato il primo studio che convalida scientificamente i benefici delle terme per i macachi femmina. Le abluzioni della spa naturale non solo li aiutano a contrastare lo stress provocato dalle rigide temperature invernali, ma possono avere implicazioni anche sulla riproduzione e la stessa sopravvivenza della specie.

Un’enorme piscina coperta, situata a Taiyuan la più grande città della provincia di Shanxi nella Cina settentrionale, può contenere fino a 10.000 persone, che con l’arrivo delle bollenti temperature estive diventano anche il doppio.

La  percentuale totale di batteri, in una piscina così affollata può arrivare anche al 97 per cento. Nel 2008 un uomo è morto e oltre 3.000 persone sono state criticamente avvelenate dopo aver ingerito l’acqua di una piscina Comunale di Pechino. Gonfiabili e salvagenti non vengono più usati per rimanere a galla, ma piuttosto per delimitare il proprio spazio travolti e bere meno acqua possibile!

In Europa si sviluppano in media ogni anno 65.000 incendi, e di questi ben l’85% riguarda l’area mediterranea. Le cause principali sono l’abbandono delle terre e l’accumularsi del materiale che può alimentare le fiamme, ma comincia ad avere un peso anche il riscaldamento globale, che causa annate di grande siccità più frequenti e intense.

Un giovane migrante siriano in una coperta termica dopo il suo arrivo a Lesbo, in Grecia, dalla Turchia. L’isola ospita il più grande centro di accoglienza d’Europa.

Silenzi

Di | 29 Maggio 2019|Open space|

Per essere in sintonia con il tema queste foto non hanno didascalie.

Però sul silenzio c’è molto da dire e presto ve lo dimostrerò…

Ospito questa settimana le poesie di Fabio Strinati e la loro traduzione in catalano

Di | 10 Maggio 2019|Open space|

SOFFIA NEL VENTO

 

A Carles Duarte i Montserrat

(altro…)

Intervista per voce e pianoforte

Di | 12 Aprile 2019|Forse ti sei perso, Open space|

Stefano Bollani (al pianoforte) risponde alle domande di Remo Bassetti

Stretta di mano

Di | 1 Marzo 2019|Open space|

Nel maggio 2017, al loro primo incontro, Trump e Macron fanno a chi stringe di più: un tempo interminabile rispetto al protocollo, una prova di forza dalle nocche bianche, poi confermata dallo stesso Macron a Le Journal de Dimanche –  “Dobbiamo dimostrare che non faremo piccole concessioni, neanche simboliche”

 

Questa piccola scimmia di nome Piak è stata trovata nella giungla thailandese a marzo 2016 dai volontari del Wildlife Friends Foundation Thailand. La madre è stata uccisa da un bracconiere che non si era accorto della presenza del cucciolo. Appena raccolta, Piak si è aggrappata alla mano del salvatore

 

5 dicembre 1929, costruzione della Direttissima Bologna Firenze: i due operai che scavavano alle due estremità della galleria sull’Appennino rimuovono l’ultimo diaframma di roccia che li divideva e si danno la mano. Archivio Istituto Luce

 

In un caso come quello degli sbarchi noi pensiamo al diritto naturale (sorvoliamo qui sul fatto che probabilmente rientri anche nel diritto internazionale) perché lo osserviamo dalla prospettiva del profugo che reclama il suo diritto ad essere accolto. In quello che io intendo come stadio pre-politico si tratta di salvare noi stessi dalla libertà di farlo morire al largo.

 

Maggio 2017, Eugenie Bouchard ha sconfitto Maria Sharapova nel secondo turno del torneo di Madrid. L’incontro era particolarmente atteso, dopo le dichiarazioni della canadese sulla russa, appena rientrata in campo dopo la squalifica per doping: “è un’imbrogliona. Se potessi decidere, la sospenderei a vita”.

 

Bordighera, 11 febbraio 1941: evidentemente la regola fascista di salutarsi marzialmente senza darsi la mano non vale con interlocutori esteri

Fame

Di | 13 Febbraio 2019|Open space|

Foto di Maurizio Torresan. Una turista sudamericana che stava addentando un panino, seduta sulle passerelle per l’acqua in piazza San Marco, è stata attaccata da un gabbiano reale. (Con il nuovo sistema di raccolta rifiuti porta a porta gli uccelli hanno perso una riserva di cibo sicura)

Lo chef dai 32 ristoranti, 4 show e 15 stelle Michelin sostiene che a cena fuori bisognerebbe seguire queste regole: evitare i piatti del giorno, trattare sul prezzo del vino, stare alla larga dalla specialità della casa e prenotare sempre per una persona in più

Curcuma e piperina sarebbero le spezie più adatte a dimagrire: stimolano il metabolismo attivando la termogenesi e contrastano la fame nervosa

Foto di Paul Nicklen e Sea Legacy. Il riscaldamento climatico che ritarda la formazione dei ghiacci sull’isola di Baffin, in Canada, fa morire di fame gli orsi polari.

Teoricamente i cuccioli di gatto dovrebbero stare vicini alla madre e ricevere le sue cure per almeno 8 settimane prima di essere separati da lei

I nidiacei implumi devono essere nutriti ogni mezz’ora, i nidiacei impiumati ogni due/tre ore. Come alimento universale di emergenza, è possibile somministrare: pezzettini di carne cruda o camole (larve della farina o del miele) e acqua con un contagocce o siringa senza ago

I nidiacei implumi devono essere nutriti ogni mezz’ora, i nidiacei impiumati ogni due/tre ore. Come alimento universale di emergenza, è possibile somministrare: pezzettini di carne cruda o camole (larve della farina o del miele) e acqua con un contagocce o siringa senza ago

A cosa serve la filosofia

Di | 21 Dicembre 2018|Open space|

Federico Zuolo è ricercatore presso DAFIST (dipartimento di antichità, filosofia e storia) dell’Università degli studi di Genova. Negli ultimi anni si è principalmente occupato di questioni attinenti all’etica animale. Ha scritto nel 2009 (altro…)

A cosa serve la filosofia

Di | 14 Dicembre 2018|Open space|

Corrado Del Bò è professore associato di Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Studi giuridici “Cesare Beccaria” dell’Università di Milano.

È autore di Un reddito per tutti (Ibis, 2004), I diritti sulle cose (Carocci, 2008), La neutralità necessaria (ETS, 2014), Etica del turismo. Responsabilità, sostenibilità, equità (Carocci, 2017) e di vari saggi sui temi della giustizia distributiva, della laicità, della libertà di satira e della valutazione etica delle scelte pubbliche. Ha scritto in collaborazione con Filippo Santoni De Sio il libro La partita perfetta (Utet, 2018).

A cosa serve la filosofia

Di | 7 Dicembre 2018|Open space|

Filippo Santoni de Sio è Assistant Professor (Ricercatore) in Filosofia ed Etica della Tecnologia all’Università di Delft (Olanda). Collabora con un’équipe di filosofi, psicologi sociali e giuristi delle Università di Sidney e Oxford a un progetto di ricerca interdisciplinare sulle opportunità e sui problemi posti dai progressi delle neuroscienze per l’attribuzione di responsabilità morale e giuridica. Ha pubblicato numerosi saggi sui problemi della responsabilità in riviste scientifiche italiane e internazionali. Ha pubblicato “Per colpa di chi. Mente, responsabilità e diritto” per Raffaello Cortina (2013), nel 2016 ha curato il volume Drones and Responsibility per Routledge (con Ezio Di Nucci) ed è coautore de “La partita perfetta. Filosofia del calcio” per Utet (2018).

A cosa serve la filosofia

Di | 30 Novembre 2018|Open space|

Professore associato di filosofia del linguaggio all’Università del Piemonte Orientale, dove insegna filosofia della mente e filosofia della comunicazione. Si occupa soprattutto di sviluppo e patologia del senso del sé, osservandoli dalla prospettiva delle scienze cognitive ma con un’attenzione anche agli aspetti clinici. Recentemente ha inoltre pubblicato alcuni lavori di filosofia della musica, sul tema della natura delle emozioni musicali e del possibile ruolo della musica in psicoterapia.

Ha pubblicato alcune monografie in italiano e numerosi articoli su riviste e libri internazionali ed italiani.

A cosa serve la filosofia

Di | 16 Novembre 2018|Open space|

Formatosi parallelamente in musica e filosofia, Pietro Gori ha intrapreso un percorso di ricerca dedicato allo studio del pensiero europeo moderno e contemporaneo, concentrandosi in particolare su figure cardine della cultura tardo-ottocentesca quali Friedrich Nietzsche, Ernst Mach e William James. Le sue peregrinazioni accademiche lo hanno portato da Padova a Napoli, per poi condurlo, dopo un breve ma significativo passaggio per Konstanz, fino alle sponde atlantiche del continente europeo. Attualmente vive e svolge la propria attività di ricerca e didattica a Lisbona, presso l’Istituto di Filosofia dell’Universidade Nova.

A cosa serve la filosofia

Di | 9 Novembre 2018|Open space|

Paolo Stellino già in tenera età ha iniziato ad assillare i proprio genitori con questioni sul senso dell’esistenza, rivelando così una vocazione precoce per la filosofia. Dopo essersi laureato a Bologna, ha iniziato a specializzarsi all’estero. Ha vissuto in Spagna, Francia, Germania, Inghilterra e Portogallo. Si auto-definisce, dunque, a giusto titolo, come un “buon europeo”, secondo un’espressione coniata da Nietzsche. È attualmente ricercatore presso l’Istituto di Filosofia IFILNOVA (Universidade Nova de Lisboa) e si occupa in particolare di Filosofia del cinema. Continua a cercare il senso dell’esistenza, non avendolo – da buon filosofo – ancora trovato.

Turismo alternativo

Di | 5 Ottobre 2018|Open space|

Museo del gabinetto, Nuova Delhi, India

Pratico. Finalmente un museo dove non c’è da impazzire per cercare la toilette

Museo delle cose inutili e delle idee sbagliate, Herrnbaumgarten, Austria

Ambizioso. Un museo delle cose utili avrebbe richiesto molto meno spazio.

  Museo del carro funebre, Barcelona, Spagna

Insidioso. Provate ad addormentarvi in una delle opere e vedrete la sorpresa al mattino.

 Museo delle relazioni finite, Zagabria, Croazia

Tentatore. Tante coppie di visitatori si sono schiaffeggiate sul posto pur di far parte della collezione.

Museo dei capelli, Avanos, Turchia

Incompleto. Neppure una sala dedicata alla forfora.

  Museo degli gnomi da giardino

 A Gnomesville, a Wellington Mill, Australia, “vivono” migliaia di gnomi da giardino

Piccoli musei d’Italia

Di | 28 Settembre 2018|Open space|

Avv.  Emilio De Simone e Maddalena Falcone, Museo della Carta di Amalfi

Piccoli musei d’Italia

Di | 21 Settembre 2018|Open space|

Sergio Zanella, Alessandro Pasquali e Riccardo Meneghini, Mulino Museo dell’Ape 

Piccoli musei d’Italia

Di | 14 Settembre 2018|Open space|

La poesia salverà il mondo

Di | 18 Agosto 2018|Open space|

La poesia salverà il mondo

Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università [...]

La poesia salverà il mondo

Evelina De Signoribus  è nata nel 1978 a San Benedetto del Tronto dove vive.  Ė laureata in Letteratura Italiana Contemporanea a La Sapienza di Roma con una tesi sulla poesia di Paolo Volponi. Alcune [...]

La poesia salverà il mondo

Matteo Pelliti nato a Sarzana nel 1972, si è laureato a Pisa, in Filosofia, con una tesi sulla “grammatica del linguaggio psicologico” in Wittgenstein, specializzandosi poi in “Comunicazione pubblica e politica”. Tra le sue [...]

La poesia salverà il mondo

Franca Mancinelli (Fano, 1981), è autrice di due libri di poesie, Mala kruna (Manni, 2007) e Pasta madre (con una nota di Milo De Angelis, Nino Aragno, 2013), uscito in anticipazione in Nuovi poeti [...]

La poesia salverà il mondo

Maria Grazia Calandrone (Milano, 15 ottobre 1964) è una poetessa, drammaturga, giornalista, artista visiva, autrice e conduttrice per Rai Radio 3 italiana.  Vive a Roma e dal 2010 tiene a battesimo poeti esordienti, ritenuti [...]

La poesia salverà il mondo

Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959. Insegna in un liceo ed è direttore artistico del festival Pordenone legge. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988, Vose de Vose/ [...]

Piccoli musei d’Italia

Di | 9 Agosto 2018|Open space|

Avv.  Emilio De Simone e Maddalena Falcone, Museo della Carta di Amalfi

Sergio Zanella, Alessandro Pasquali e Riccardo Meneghini, Mulino Museo dell’Ape 

Rino Lombardi, Museo della Bora, Trieste

Guido Fisogni, Museo Fisogni, Tradate

Andrei Dacinoi, Il Museo del Precinema

Piccoli musei d’Italia

Di | 27 Luglio 2018|Open space|