12

>12

Breve trattato sulla bugia nel 2017. Menzogna, post- vero e autoinganni

Di | 12 maggio 2017|12, Motori di ricerca interiore|

Sette ragioni che oggi fanno mentire di più. Guarda in venti secondi il video di presentazione

Davvero sono così trendy le bugie? Mentiamo di più? E soprattutto: nello spazio pubblico ci mentono di più? (altro…)

Bruno Munari

Di | 5 maggio 2017|12, Ufficio visti|

Ufficio visti

Ci sono diverse ragioni per considerare Bruno Munari una delle figure più eccentriche del Novecento italiano. Forse la migliore è quella improbabile coincidenza tra una scatenata fantasia visionaria e una rigorosa pedanteria progettistica. Una delle sue citazioni, affissa nella bellissimo mostra che gli dedica il Museo Ettore Fico a Torino, recita: “Creatività non vuol dire improvvisazione senza metodo: in questo modo si fa solo della confusione”. (altro…)

Come stanno cambiando i dialoghi nella letteratura

Di | 14 aprile 2017|12, Sulla scrittura|

“Bada a come parlano” è il monito che assilla sempre il narratore, a proposito dei suoi personaggi. Si può essere abilissimi nel cogliere le sfumature del linguaggio, ma quelle virgolette (oppure le caporali, o i trattini lunghi: non ha importanza) introducono costantemente un rischio di rottura dell’unità stilistica. (altro…)

Democrazia secondo voi

Di | 31 marzo 2017|12, Democrazia secondo voi, Open space|

Ricordando Pasolini: i libri, accattone, l’omicidio. Gli articoli di Davico Bonino, Calopresti e Garofano

Di | 31 marzo 2017|12, Giudizio Universale antologia|

Antologia di Giudizio Universale

Scarica il pdf!

Stretti e contraddetti

Di | 8 febbraio 2017|12, Stretti e contraddetti|

La tecnologia è l’arte di organizzare il mondo per non dover averci a che fare, disse lo scrittore Max Frisch. Non si era ancora misurato con la tecnologia digitale, (altro…)

La critica del cittadino e il tabù del suffragio universale

Di | 27 gennaio 2017|12, Il futuro della democrazia|

L’odio verso la classe politica ha il suo complemento nel mito del buon cittadino, di volta in volta descritto sfruttato, disilluso, stanco, manipolato, tradito. Il trucco per glissare sulla sua totale inadeguatezza a districarsi nelle vicende della democrazia consiste nella raffigurazione rappresentativa: se quarantamila persone scendono in piazza se ne trarrà la prova che i cittadini hanno detto basta, sorvolando benevolmente sull’altra cinquantina di milioni. (altro…)

Il Fondo Atlante alla fiera dell’est

Di | 26 gennaio 2017|12, Il Nuovo Giudizio Universale|

Recensione

Immaginiamo che qualcuno, ci dica: “Beh, non credo che tu sia più un rischio sistemico”. Sarebbe sufficiente per tiraci su e migliorare la nostra autostima? Potremmo prenderlo come un complimento? Qualche volta è il caso di accontentarsi. Così pare debba essere per le nostre banche per le quali la definizione è stata espressa durante il World Economic Forum a Davos e attribuita ai mercati internazionali. (altro…)

Bufale e web. Lettera (apocrifa) di Beppe Grillo ai media italiani

Di | 10 gennaio 2017|12, Il futuro della democrazia|

Cari giornalisti italiani,

ho vinto. I fatti hanno confermato le mie parole. Sono i media che inventano le bufale. Mi è riuscito un giochetto di quelli che piacevano agli artisti situazionisti.  Come se avessi detto: adesso tirate fuori una bufala. E voi, parapom, ci siete cascati, avete ubbidito. (altro…)

Paterson
Recensione del film

Di | 10 gennaio 2017|12, Il Nuovo Giudizio Universale|

Mostrare ciò che è brutto senza essere brutta è da sempre un problema dell’opera d’arte, visiva o letteraria. Un tema più recente è: come mostrare ciò che è noioso senza essere noiosi? E’ il dilemma estetico che affronta il film “Paterson”.

Il regista indipendente americano Jim Jarnusch era l’uomo giusto per quest’esperimento. E’ uno che sguazza in queste forme di minimalismo narrativo.

Si, ma stavolta ha esagerato. Si narra l’opaca epopea settimanale del signor Paterson, che vive nella città di Paterson (New Jersey) e lavora come conducente d’autobus, cioè he’s a driver, e l’attore è quel monoespressivo per antonomasia di Adam Driver. (altro…)