1

Stretti e contraddetti

Di | 13 luglio 2018|1, Stretti e contraddetti|

“Ma cosa ne so io! Non distinguo una patata da un carciofo!”. Perché stupirsi se un giorno il sottosegretario all’agricoltura se ne uscisse così, visto che abbiamo appena sdoganato un sottosegretario alla cultura che dichiara di non leggere un libro da due anni?

Stretti e contraddetti

Di | 6 luglio 2018|1, Stretti e contraddetti|

Una storia vera per comprendere i tempi. Un commerciante alimentare si accinge a sostituire uno storico lavoratore che va in pensione e diversi suoi clienti lo avvertono che se ricorresse a uno straniero non metterebbero più piede in negozio. (altro…)

Stretti e contraddetti

Di | 22 giugno 2018|1, Stretti e contraddetti|

Ho trovato esaltante che un personaggio pubblico per definizione disinteressato alla politica, quale si vuole sia un calciatore, abbia postato una foto con uno slogan di sostegno ai rifugiati, (altro…)

Stretti e contraddetti

Di | 14 giugno 2018|1, Stretti e contraddetti|

“Ero straniero e non ami avete accolto#Aquarius”. Questo tweet di Monsignor Ravasi è stato seguito da una bordata di insulti beceri, (altro…)

Stretti e contraddetti

Di | 8 giugno 2018|1, Stretti e contraddetti|

Una norma di spesa senza una copertura finanziaria non è una legge ma una fantasia. E però non esiste spesa che non possa ricevere copertura: (altro…)

Stretti e contraddetti

Di | 1 giugno 2018|1, Stretti e contraddetti|

Ogni volta che si insedia un nuovo governo dobbiamo fargli un augurio, qualunque sia il nostro credo politico: “Buona Costituzione!”. Poi ad applicarla in pieno ci riescono in pochi, Ma speriamo almeno che, di fronte a questo auspicio, nessun ministro tocchi il ferro o i genitali.

Stretti e contraddetti

Di | 18 maggio 2018|1, Stretti e contraddetti|

Bisognerà pure avere il coraggio, un giorno, di aggiungere la possibilità di fare il “copia e incolla” nell’elenco delle calamità.

Stretti e contraddetti

Di | 11 maggio 2018|1, Stretti e contraddetti|

“Vi scrivo una lettera lunga perché non ho avuto il tempo di scriverne una breve” fu uno delle tante uscite folgoranti di Voltaire. La brevità è densa e molto più impegnativa. Ma questo vale per chi scrive, non per chi legge. (altro…)

Ritratto di mio padre

Di | 7 novembre 2016|1, Mio padre|

Venti anni fa, esattamente in questo giorno, moriva mio padre. Ha offerto mille scintille per i miei fuochi. Cominciare questo spazio web proprio oggi è un modo per celebrarlo ancora. 7 novembre 2016.

Vittorio Bassetti, mio padre, arrivò tardi, più che ventenne, alla scherma.

A diciassette anni aveva saltato 1.75 in alto, miglior prestazione stagionale di uno juniores.Aveva praticato la corsa a ostacoli, il canottaggio, giocato a tennis nella napoletana Villa Comunale(era nato a Roma nel 1925, ma a sette anni trasferitosi all’ombra del Vesuvio) con il campione d’Italia Sirola.Nella scherma, allora assai statica, aveva tratto beneficio dal consistente background atletico. In pochi anni si era classificato tra i primi dodici sciabolatori d’Italia. (altro…)