Archivio del mese di marzo 2018

>>marzo

La poesia salverà il mondo

Di | 29 marzo 2018|Open space|

Franca Mancinelli (Fano, 1981), è autrice di due libri di poesie, Mala kruna (Manni, 2007) e Pasta madre (con una nota di Milo De Angelis, Nino Aragno, 2013), uscito in anticipazione in Nuovi poeti italiani 6, a cura di Giovanna Rosadini (Einaudi, 2012). Una sua silloge è compresa, con introduzione di Antonella Anedda, nel XIII Quaderno italiano di poesia contemporanea, a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2017). Le sue brevi prose sono raccolte in Libretto di transito (Amos edizioni, 2018). Tradotte in inglese da John Taylor, sono in uscita sulle riviste The Bitter Oleander, Plume, The Fortnightly Review.

È il turno di Luigi Colucci, Libreria Bodoni, Torino

Di | 24 marzo 2018|I libri dei librai|

Versi, versi pure

Di | 23 marzo 2018|4, Versi, versi pure|

Pipp food/9

Di | 23 marzo 2018|Fuori strada|

Ogni settimana le recensioni di Michele Raviolino sulle trattorie

Mi trovavo nella sala d’attesa del pronto soccorso, non perché mi fosse capitato qualche accidente ma perché il caffè delle macchinette viene proposto a un prezzo molto vantaggioso, quando mi sono felicemente imbattuto nel vecchio amico Oreste, che si trascinava con le flebo dal suo reparto di degenza per la stessa occasione di risparmio. (altro…)

La poesia salverà il mondo

Di | 23 marzo 2018|Open space|

Franca Mancinelli (Fano, 1981), è autrice di due libri di poesie, Mala kruna (Manni, 2007) e Pasta madre (con una nota di Milo De Angelis, Nino Aragno, 2013), uscito in anticipazione in Nuovi poeti italiani 6, a cura di Giovanna Rosadini (Einaudi, 2012). Una sua silloge è compresa, con introduzione di Antonella Anedda, nel XIII Quaderno italiano di poesia contemporanea, a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2017). Le sue brevi prose sono raccolte in Libretto di transito (Amos edizioni, 2018). Tradotte in inglese da John Taylor, sono in uscita sulle riviste The Bitter Oleander, Plume, The Fortnightly Review.

Quando è che torna utile buttare qualcuno sotto il treno

Di | 23 marzo 2018|12, Motori di ricerca interiore|

E’ possibile che l’investimento mortale di un pedone da parte di un veicolo self-driving di Uber fosse inevitabile. E’ però un’occasione per ricordare quanto impegnativa si presenti, dal punto di vista morale oltre che tecnologico, la realizzazione delle auto senza guidatore. Anche se i produttori tendono a svicolare al riguardo, gli algoritmi dovranno pur ordinare una scala gerarchica di soluzioni e indurre il sistema di intelligenza artificiale a “scegliere” come procedere quando si tratti di sacrificare qualcuno (del genere: salvo il guidatore o butto sotto tre pedoni?). (altro…)

Il sessantotto recensito da chi non era nato/5. Dallo slogan allo spot

Di | 23 marzo 2018|7, Giudizio Universale antologia|

di Ascanio Celestini. Antologia di Giudizio Universale (febbraio 2008)

Le parole d’ordine dell’epoca e le pubblicità di oggi hanno la stessa funzione: affermare la propria esistenza. Ma da “L’impaginazione al potere” a “Magi water tutto pulito” qualcosa si è perso (altro…)

Recensione del film “Lady Bird”

Di | 23 marzo 2018|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

T.V.B. sarebbe stato un buon nome per questo film. L’acronimo, proprio. Quello che tante pennarelli indelebili hanno impresso sui muri, sui sedili degli autobus o sui banchi di scuola, di solito incastonato in qualche frase assurda. T.V.B. è l’acronimo più insulso mai prodotto dalla mente umana perché ti voglio bene va fatto addentare con tutta la polpa alla persona cui lo si dice oppure va serbato nel brivido che ci percorre mentre lo pensiamo per donarlo nel momento che impacchetta il dono di dirlo (dono per chi lo dice e chi lo riceve), e quindi mai dovrebbe essere abbreviato, nemmeno per gioco. T.V.B. manca di pathos: è inflazionante, sbrigativo, sommario. (altro…)

Maradonapoli

Di | 23 marzo 2018|Storia e storie dello sport in Italia|

Nella seconda parte degli anni ottanta cambia nel campionato la coppia protagonista: non più Roma e Juventus ma Milan e Napoli. Tuttavia permangono, attraverso le due squadre, le formule della precedente contrapposizione: nord contro sud, ricchi contro poveri, collettivo contro individualità. (altro…)

Stretti e contraddetti

Di | 23 marzo 2018|1, Stretti e contraddetti|

L’inciucio è l’alleanza degli altri (cfr. Robbe-Grillet: la pornografia è l’erotismo degli altri)

Di | 23 marzo 2018|Twitoli|

Stretti e contraddetti

Di | 16 marzo 2018|1, Stretti e contraddetti|

La libertà non altro che la comprensione della necessità. Lo ha detto Stalin. Ma non è che Kant abbia scritto tanto diverso.

I pionieri del calcio

Di | 16 marzo 2018|7, Storia e storie dello sport in Italia|

Il calcio nasce in Inghilterra nell’Ottocento e ha come antenati i vari giochi con la palla delle epoche precedenti. Inizialmente è una commistione di quelli che, a partire dal 1863, saranno due sport separati: football e rugby. Il football è un perfetto esempio di come la nozione inglese di sport metta in primo piano la lealtà, il rispetto delle regole e l’astensione da comportamenti violenti. Nei suoi primi passi si gioca senza l’arbitro ed è dribbling game: il gioco consiste nel superare gli avversari, passare palla ai compagni sarebbe un atto di codardia. (altro…)

Il sessantotto recensito da chi non era nato/4. La voce del padrone

Di | 16 marzo 2018|6, Giudizio Universale antologia|

di Massimo Balducci. Antologia di Giudizio Universale (febbraio 2008)

Le due Italie in guerra sono rappresentate in Contessa alla perfezione. Anche con la musica

(altro…)

Perchè l’Italia non ha un governo e come possono aiutarci gli australiani

Di | 16 marzo 2018|Articoli recenti 1, Il futuro della democrazia|

Per risolvere il problema della maggioranza ci sarebbe un sistema elettorale adatto al nostro paese

Per capire quale male affligga l’Italia che non riesce a darsi una maggioranza dopo le elezioni politiche del 4 marzo, conviene partire da un confronto con la Democrazia Cristiana. Tra il 1948 e il 1992, infatti, l’affermazione che gli italiani avevano chiesto a qualcuno di governare era un dato matematico: la coalizione nella quale la Dc era il partner ampiamente maggiore otteneva infatti il voto di più di un italiano su 2. (altro…)

Lafayette Anticipation

Di | 16 marzo 2018|Ufficio visti|

I grandi ritardi nel lavori di ristrutturazione non riguardano solo le opere pubbliche o le angherie di un’impresa di costruzioni verso i piccoli committenti. Era prevista diversi mesi prima l’apertura del grande spazio che le Galleries Lafayette hanno allestito per la loro fondazione culturale a Parigi, Lafayette Anticipation, (altro…)

L’omicidio nel sottomarino (No fiction)

Di | 16 marzo 2018|Articoli recenti 1, Lo Storiopata|

Il caso Peter Madsen. L’uomo che costruiva missili e la giornalista decapitata

L’imputato dice che non si capisce quale sia il problema nell’averla fatta a pezzi, visto che era già morta.

E anche.

L’imputato dice che non gli sembra il caso di scendere nel dettaglio del modo in cui è morta la giornalista (altro…)

Recensione del film “Il filo nascosto”

Di | 16 marzo 2018|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

E’ un specie di matrioska del perfezionismo maniacale quella in cui P.T. Anderson, acclamato oggi con Malick quale regista di maggior rigore formale, cuce per il perfezionista maniacale  Daniel Day-Lewis (secondo le sue dichiarazioni all’ultima interpretazione) il ruolo dell’ancor più maniacale e perfezionista Reynolds Woodcock, sarto alla moda di nobili e alta borghesia nella Londra degli anni ’50. (altro…)

55 Vasche. Le guerre, il cancro e quella forza dentro
(Mimmo Cándito)

Di | 15 marzo 2018|Libri consigliati|

In un giorno in cui l’Italia si è trovata divisa se ne è andato un uomo capace di unire tutti nel giudizio, dal più elevato degli intellettuali all’ultimo degli studenti. Si potrebbero ricordare tante cose di Mimmo Candito. (altro…)

E che sia sempre 8 marzo. Speciale Wrog sulle donne

Di | 8 marzo 2018|Focus|

A partire da oggi, 8 marzo, e per i giorni successivi voglio richiamare nell’apertura alcune occasioni in cui questo spazio web si è occupato delle donne. E anche degli sguardi maschili che sulle donne si posano nel modo sbagliato.


 

Il linguaggio del diritto è troppo povero per difendere la donna. Una proposta.

 

 

Facciamolo strano? Le bambole robot frigide e lo stupro virtuale

 

 

“Madri in affitto” di Carlo Flamigni

 

 

“Orgasmo” di Margherita Granbassi

 

 

 

 

Capitolo sette: Lorette

 

 

Femmina

 

 

Lady Macbeth

 

 

Ritratto di famiglia con tempesta

 

 

Dall’intimità all’estimità? Gioie e patologie delle condivisioni in rete

 

 

Perché le donne non fanno Pericle

 

 

Marina Abramovic

 

 

Uomini che interrompono le donne. Cosa vuol dire veramente?