Archivio del mese di novembre 2017

>>novembre

Stretti e contraddetti

Di | 29 novembre 2017|Stretti e contraddetti|

La questione di come le fake news possano incidere sulle elezioni politiche viene posta in modo sbagliato. E’ chiaro che se gira una foto che attesta che la Boschi e la Boldrini erano al funerale di Riina il vero problema per la democrazia non è che qualcuno la metta in circolo ma che qualcuno ci creda. (altro…)

Pipp food/5

Di | 24 novembre 2017|Fuori strada|

Ogni settimana le recensioni di Michele Raviolino sulle trattorie (altro…)

Stretti e contraddetti

Di | 24 novembre 2017|Stretti e contraddetti|

Un workshop di tre giorni per ascoltare la società civile e lavorare al programma di governo. Tre giorni. Uno poi si domanda se la Gelmini, in passato, abbia diretto il ministero dell’istruzione o il Cepu.

La poesia salverà il mondo

Di | 24 novembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Questa settimana Paolo Febbraro, nato nel 1965 a Roma, dove vive. Poeta e saggista, ha pubblicato fra l’altro le opere poetiche Il Diario di Kaspar Hauser (2003, tradotto in spagnolo e in inglese) e Fuori per l’inverno (2014). Fra i lavori saggistici: L’idiota. Una storia letteraria (2011) e Leggere Seamus Heaney (2015). Nel 2016 è uscito un volume di racconti e prose brevi, I grandi fatti.

Sulla soglia

Di | 24 novembre 2017|Derelitti e delle pene|

Monologhi dal carcere

All’ingresso c’è scritto che è un carcere ma quest’istituto non saprei neppure se chiamarlo cosí. Magari sí, per esclusione. Le porte delle celle aperte tutto il giorno, e siamo sempre impegnati. Io poi adesso torno solo a dormire, ho cominciato a lavorare fuori.

 

C’è un tale via vai di educatori che noi siamo quasi la minoranza. Del resto siamo una cinquantina in tutto. Per chiedere di venirci devi essere già in galera, essere tossico e avere voglia di smettere. Sia la droga che la galera. (altro…)

Cosa succederebbe se lo stato desse soldi a tutti. La sfida del reddito di cittadinanza.

Di | 24 novembre 2017|Articoli recenti 2, Il futuro della democrazia|

A chi non piacerebbe alzarsi il 27 mattina di ogni mese, controllare l’home banking e verificare che lo Stato ha puntualmente versato uno stipendio senza che il beneficiario abbia fatto niente per meritarselo, salvo esistere? E, se questa erogazione riguardasse tutti, non sarebbe immaginabile che tutti fossero d’accordo nel renderla obbligatoria per legge? In realtà c’è un Paese, la Svizzera, in cui sono riusciti a raccogliere le firme per un referendum in tal senso, ma il 77% (sul 40% della popolazione che aveva partecipato) ha optato per il no, grazie. (altro…)

È il turno di Florence Raut

Di | 24 novembre 2017|I libri dei librai|

La Libreria di Parigi

Svegliare i leoni,
Ayelet Gundar-Goshen

Di | 24 novembre 2017|Libri consigliati|

Caratteristica della narrativa israeliana, quella attualmente più vitale al mondo, è di mettere al centro del libro un grave problema morale. (altro…)

Versi, versi pure

Di | 24 novembre 2017|Versi, versi pure|

Di | 24 novembre 2017|Twitoli|

Recensione del film “The square”

Di | 23 novembre 2017|Il Nuovo Giudizio Universale|

Non credo di praticare un grave spoiler se anticipo che l’ultima frase pronunciata nel film “The square”, trionfatore a Cannes, è “Mi spiace, non posso esserle d’aiuto”, ed è pronunciata come pura e vuota forma di cortesia al termine di una conversazione che, a dispetto della concretezza di una domanda, si prospetta per tutta le sue sequenze come una cronica impossibilità di intendersi e interagire tra l’interrogante e chi risponde. Non è una frase casuale perché il tema dell’aiutare gli altri è il vero centro di un’opera audace e ambiziosa, con una strana struttura che somiglia a un film a episodi  concatenati, (altro…)

Di | 22 novembre 2017|Twitoli|

L’età della vigliaccheria

Di | 17 novembre 2017|Limite di velocità|

C’è una cosa che accomuna i terroristi della jihad e gli hater, gli odiatori del web, ed è la vigliaccheria. Un tratto psicologico che, peraltro, si è ormai diffuso a macchia d’olio. In un libro della Princenton University di Chris Walsh, Cowardice, si trova un interessante grafico che rappresenta l’uso della parola codardia (cowardice) nei libri dal 1800 ad oggi. Dopo un costante declinare della curva sino a una diminuzione dell’80%, vi è stato un improvviso rialzo nel XXI secolo, a partire dall’attentato alle Torri Gemelle. (altro…)

La poesia salverà il mondo

Di | 17 novembre 2017|La poesia salverà il mondo, Open space|

Questa settimana Sonia Gentili, docente di Letteratura Italiana (università di Roma “La Sapienza”), autrice di studi sulla letteratura medioevale e del Novecento, vincitrice del premio per la letteratura “A. S. Novaro” (Accademia dei Lincei, 2009), ha esordito con la raccolta di poesie L’impero e la Gorgone, prefazione di Giorgio Patrizi, Giulio Perrone editore, 2007. La sua seconda raccolta di poesie Parva naturalia è uscita nel 2012, con prefazione di Elio Pecora, per Nino Aragno editore. Con la raccolta di versi “Viaggio mentre morivo” (Aragno) ha ottenuto il Premio Viareggio- Rèpaci 2016.

Stretti e contraddetti

Di | 17 novembre 2017|Stretti e contraddetti|

Troppe volte, quando poniamo una domanda, consideriamo corretta solo la risposta che avremmo voluto ricevere

Recensione del film “La ragazza nella nebbia”

Di | 17 novembre 2017|Il Nuovo Giudizio Universale|

“Parli come un libro stampato” è un modo di dire che sta a metà tra l’elogio e la derisione, segnalando da un lato l’appropriatezza e dall’altro la pedanteria. Il film “La ragazza nella nebbia” parla come un libro stampato nel senso che proviene da un romanzo già concepito come sceneggiatura e che poi ha venduto tre milioni di copie nel mondo. La particolarità del caso è che l’autore del libro e della sceneggiatura, Donato Carrisi, si propone nella veste di one-man-show, cioè anche come regista. (altro…)

È il turno di Renata Sguotti

Di | 17 novembre 2017|I libri dei librai|

Disastri azzuri (oltre Ventura)

Di | 14 novembre 2017|Storia e storie dello sport in Italia|

La spedizione della nazionale di calcio ai mondiali del Brasile del 1950 venne preceduta e accompagnata da una serie di condizioni che avrebbero obiettivamente reso improbabile un risultato positivo. L’anno prima, la tragedia di Superga aveva costretto i selezionatori, Novo e il giornalista Bardelli, (altro…)

Invece di ricaricare lo smartphone, ricarica te stesso

Di | 14 novembre 2017|Open space|

di Carlo Mazzucchelli

La ricarica dello smartphone, soprattutto ora che è diventata wireless, non è più un problema, lo è invece riuscire a rinunciare a un dispositivo che ha colonizzato la vita reale e quella virtuale in modo pervasivo, incatenando la mente, occupando il tempo e imprigionando l’attenzione di chi lo usa.

L’innovazione tecnologica continua sta cambiando la moda, con sempre nuovi materiali e componenti tecnologici indossabili come sensori, RFID, fibre vegetali ed elettroniche. (altro…)

Di | 14 novembre 2017|Twitoli|