Focus

Piccoli musei d’Italia

Non sempre gli itinerari turistici ne danno conto quanto meritano.  Eppure spesso varrebbero da soli un viaggio. In video sul wrog i piccoli musei si raccontano.

I PICCOLI MUSEI d’ITALIA – video visite

Occupy Silicon Valley

Ultimi articoli

Stretti e contraddetti

Troppe volte, quando poniamo una domanda, consideriamo corretta solo la risposta che avremmo voluto ricevere

17 novembre 2017|1, Stretti e contraddetti|

Cosa cambia per noi tutti respingendo l’Aquarius

Il giudizio politico e lo stadio pre-politico

Quale giudizio politico dare sulla chiusura dei porti da parte di Salvini? Probabilmente il punto da cui cominciare sarebbe che non compete giuridicamente al Ministro dell’Interno chiudere i porti ma al Ministro dei Trasporti: chi ha voglia però di soffermarsi sopra simili quisquilie, specie se il capo del governo risponde alla domanda di un giornalista che non intende rispondere sul caso Aquarius, come se lo avessero disturbato per un pettegolezzo? In effetti, ciò di cui mi preme occuparmi è: in una società democratica quand’è che il giudizio politico è fuori luogo, nel senso che non deve proprio entrare in gioco? (altro…)

14 giugno 2018|3, Limite di velocità|

Recensione del film “La forma dell’acqua”

Detto senza mezzi termini, se non riuscite a tornare bambini di fronte a questa meravigliosa fiaba (per adulti, sì, ma appunto di quelli disponibili a dismettere la propria adultità) siete perduti per sempre. La storia non è complicata, e raccontata nella sua nudità rischia di apparire un episodio di Topolino: (altro…)

23 febbraio 2018|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Psicologia della punteggiatura/1. Il punto

Il punto sta andando incontro, nell’uso della lingua scritta, a un duplice e contraddittorio destino. Nello scritto comune, sempre più mediato dallo smartphone, scompare (ricordo altresì che il testo digitato non è uno scritto ma uno scriparlato: l’ho spiegato qui). (altro…)

20 luglio 2018|4, Sulla scrittura|

TRADIMENTO

L’amante, Giuda, le chat, la marchesa di Merteuil, gli adolescenti e altro ancora

 

A una prima ed elementare definizione il tradimento si presenta come una situazione triadica nella quale qualcuno sceglie una persona o un gruppo al posto della persona o del gruppo che dovrebbe preferire. Come ogni definizione elementare, si tratta di un punto di partenza carico di ambiguità e lacune. In base a che cosa il traditore dovrebbe preferire il tradito (o i traditi)? (altro…)

1 giugno 2018|5, Limite di velocità|

Perchè l’Italia non ha un governo e come possono aiutarci gli australiani

Per risolvere il problema della maggioranza ci sarebbe un sistema elettorale adatto al nostro paese

Per capire quale male affligga l’Italia che non riesce a darsi una maggioranza dopo le elezioni politiche del 4 marzo, conviene partire da un confronto con la Democrazia Cristiana. Tra il 1948 e il 1992, infatti, l’affermazione che gli italiani avevano chiesto a qualcuno di governare era un dato matematico: la coalizione nella quale la Dc era il partner ampiamente maggiore otteneva infatti il voto di più di un italiano su 2. (altro…)

16 marzo 2018|6, Il futuro della democrazia|

Cinque microracconti in cinque sorsi di caffè

Autostop/ Confessione/ Il cane lupo/ Testimone/ Specchi

Sorsi di caffè

Autostop

 

Non era come se a fermarsi fosse stata Andie McDowell su una Mercedes, ma a quell’ora, e in quel luogo, bisognava accontentarsi, e andava già bene così. Alle tre del pomeriggio, sulla piccola strada provinciale, (altro…)

14 giugno 2018|8, Lo Storiopata|

Versi, versi pure

27 luglio 2018|10, Versi, versi pure|

Così comincia il romanzo/7

Continuano i brevi video di tre minuti per raccontare gli inizi folgoranti dei romanzi. In linea con il regista Werner Herzog che, quando qualcuno sosteneva di avere una grande storia tra le mani, chiedeva: “What’s your first shot?” (altro…)

27 luglio 2018|12, Sulla scrittura|

L’intervista a Erika Di Martino

La paladina dell’homeschooling

Istruire i figli: meglio a casa che a scuola? (altro…)

15 dicembre 2017|7, Le interviste|

Gli auguri di compleanno dopo le notifiche di Facebook

Oggi Facebook mi notifica che 14 amici compiono gli anni e si porta avanti segnalandomi quelli che festeggeranno nei giorni a venire. In pochi secondi posso mandare un messaggio a ciascuno e anche ingraziarmelo con l’emoticon di una torta. Con molti di questi amici non c’è stata occasione di far seguire messaggi al contatto iniziale. Qualcuno effettivamente lo conosco, qualcuno è un amico davvero. Ma ha senso rispondere allo “stimolo” della macchina e ubbidirle inoltrando le candeline o mandando un video appositamente creato dal social? (altro…)

6 luglio 2018|9, Web philosophy|

Pipp food/8

Ogni settimana le recensioni di Michele Raviolino sulle trattorie (altro…)

16 febbraio 2018|11, Fuori strada|

È il turno di Renata Sguotti

Italian Bookshop di Londra (altro…)

28 luglio 2017|13, I libri dei librai|

Sempre attuali

Forse vi siete persi…

Stretti e contraddetti

Stretti e contraddetti

Articoli consigliati