Focus

A cosa serve la filosofia?

Spiegato dai filosofi con un esempio in video

Ultimi articoli

Stretti e contraddetti

La differenza tra l’infanzia di oggi e quella di una volta sta nella differenza tra il nascondino e la geolocalizzazione

14 Dicembre 2018|1, Stretti e contraddetti|

Recensione del film “Tre volti”

Quando si dice di necessità virtù. Vivendo nel suo paese in condizioni di libertà limitata (che teoricamente dovrebbe comprendere il divieto di girare film: ma evidentemente non tanto) (altro…)

14 Dicembre 2018|2, Il Nuovo Giudizio Universale|

Cartolina per Steinbeck

“Cosa ha da dirci sul mondo di oggi?” è una domanda quasi ossessiva che ci affligge quando riprendiamo in mano uno scrittore classico. Una domanda forse inevitabile, perché la prerogativa di un classico dovrebbe essere l’universalità, e dunque l’attitudine delle storie che racconta ad abbandonare il loro lì e prima e trasfigurarsi in un qui e ora (altro…)

14 Dicembre 2018|3, Sulla scrittura|

Osvaldo Licini

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle” avrebbe potuto scrivere, o almeno dipingere (questo in verità un pochino lo fece) Osvaldo Licini, che nel borgo marchigiano di Monte Vidon Corrado (altro…)

14 Dicembre 2018|4, Ufficio visti|

La dignità

Il record del mondo pare appartenga a un australiano che ha lanciato un nano a nove metri e quindici di distanza. Il nano viene imbracato con un’imbottitura e munito di casco protettivo, dopodiché il giocatore lo afferra per le maniglie dell’imbracatura e lo scaglia verso un materassino. Ma una ventina d’anni fa, in Francia, il sindaco di un paesino in cui stava prendendo piede il lancio del nano decise di proibirlo. Fu presentato ricorso alla Corte Amministrativa di Versailles, la quale ritenne in effetti che “uno spettacolo del genere violi il principio della dignità umana in quello che è il suo scopo fondamentale”. (altro…)

14 Dicembre 2018|5, Limite di velocità, Motori di ricerca interiore|

Avete bisogno di soldi? Vediamo se l’algoritmo li scuce

È vero che le banche preferiscono prestare soldi a chi già li ha, ma non si può negare che l’origine (anche se non la causa ultima) della crisi che ha cominciato a sprofondare l’economia è nata dalla spregiudicatezza e dall’avventatezza (altro…)

7 Dicembre 2018|6, Web philosophy|

Turbine il miglior romanzo del 2018

Mettiamolo in chiaro dall’inizio. In Turbine non ci sono commissari, e nemmeno misteri da svelare. Sì, per qualche pagina c’è quel che sembra un rapimento e sullo sfondo un’antica morte mai chiarita, ma nell’insieme sono episodi marginali, che servono solo a definire meglio alcuni personaggi. In Turbine non ci sono scene di sesso, e neanche d’amore. (altro…)

7 Dicembre 2018|7, Sulla scrittura|

Non si starà esagerando con l’inconscio?

Per una distinzione dall’inconsapevolezza: riprendiamoci la coscienza.

Pensateci bene: siete davvero sicuri di sapere perché avete cominciato a leggere questo articolo? E’ per puro interesse del tema? In realtà potrebbe darsi che qualche dettaglio della foto abbia riattivato un’attenzione che avevate sperimentato positivamente in un’occasione del tutto diversa. Oppure che conoscete l’autore, e il fatto che abbiate in mano una bevanda calda vi abbia ben predisposto nei suoi confronti (se invece aveste sorseggiato un gin tonic ghiacciato avreste pensato: il solito rompiballe!). O che vogliate dimostrare qualcosa alla persona che si trova nella stessa stanza. (altro…)

30 Novembre 2018|8, Motori di ricerca interiore|

Scopri se sei un servo o una persona libera

La politica che riguarda tutti noi. Se avete la pazienza di leggere fino in fondo troverete un test da affrontare.

Da quando dicono che sono scomparse la destra e la sinistra c’è un dubbio che mi affligge (altro…)

16 Novembre 2018|10, Web philosophy|

Perché si parla tanto del silenzio

Siamo seduti a fianco alla persona che amiamo, entrambi avvolti in un silenzio che si prolunga per diversi minuti. Cosa significa? Siamo arrabbiati? Non abbiamo più niente da dirci?
O piuttosto stiamo toccando il vertice dell’intimità, consentendoci il lusso di scavalcare la recinzione della parola (come mai potremmo fare per più di dieci secondi in compagnia di un conoscente senza che si generi imbarazzo)? (altro…)

26 Ottobre 2018|12, Limite di velocità|

Quattro poesie di Hayden Carruth

(mia traduzione)

Spazzato via

(altro…)

7 Dicembre 2018|9, Sulla scrittura|

A che gioco gioca Baricco in The game

Cominciamo con una citazione letterale.

  • Un design piacevole capace di generare soddisfazioni sensoriali;
  • Una struttura riconducibile allo schema elementare problema/soluzione ripetuto più volte;
  • Tempi brevi tra qualsiasi problema e la sua soluzione;
  • Aumento progressivo delle difficoltà di gioco;
  • Inesistenza e inutilità dell’immobilità;
  • Apprendimento dato dal gioco e non dallo studio di astratte istruzioni per l’uso; (altro…)
30 Novembre 2018|11, Sulla scrittura|

Morti, vivi e spettri digitali

A margine del libro “La morte si fa social”

“La terra è dei vivi” proclamava diversi anni fa lo slogan pubblicitario di un ente della cremazione. Mi era impossibile reprimere il profondo malessere interiore che quella frase, volutamente a effetto, mi suscitava. Certo, intendeva sollevare il problema eminentemente pratico dell’intasamento dei cimiteri e, insomma, l’opportunità di togliersi dalle palle incenerendosi nel fuoco. Ma quel maramaldeggiare sul cadavere che permane debordava per forza in uno spregio più generale. (altro…)

16 Novembre 2018|13, Web philosophy|

Sempre attuali

.

Questo sito è reso possibile dalla società di comunicazione

Anima in Corporation

Forse vi siete persi…

Stretti e contraddetti

A cosa serve la filosofia

Nalini Malani

Articoli consigliati